Campania Libri Festival, il 19 settembre l’anteprima con Zerocalcare

Si è tenuta, presso la sede dell’ente regionale  la presentazione del Campania Libri Festival che ha svelato l’intero cartellone di ospiti che si svolgeranno dal 29 settembre al 2 ottobre negli spazi di Palazzo Reale e della Biblioteca Nazionale a Napoli.Erano presenti la dottoressa Rosanna Romano, Alessandro Barbano e Ruggero Cappuccio, rispettivamente presidente e direttore artistico della Fondazione Campania dei Festival, organizzatrice dell’evento,  la cura editoriale è stato affidata al filosofo docente universitario Massimo Adinolfi, mentre le conclusioni sono state affidate al Presidente De Luca.

Finanziata dalla Regione Campania, la rassegna si svolgerà tra gli spazi del Palazzo Reale e della Biblioteca Nazionale con più di 160 eventi a ingresso gratuito su prenotazione. 
L’editoriale del nuovo evento è stata affidata al filosofo e docente universitario Massimo Adinolfi, un Festival che ha per tema “l’esercizio di ascolto e di lettura a cui ci invita il libro” e le modalità presenti e future di fruizione, riproposizione e attenzione dell’oggetto libro, per «prestare o dare ascolto, rivolgersi a ciò che merita o cattura attenzione, fare esercizio di sensibilità e rispetto, ma anche cercare nei suoni, nelle voci, nei rumori il ritmo stesso della vita e il respiro della parola», cosi ha commentato nel manifesto programmatico.

La mission del Festival è arrivare e portare la cultura dove la cultura non arriva, quanti sono i lettori in Italia dei libri ? attraverso questa iniziativa noi portiamo i libri dove non arrivano fra i giovani per esempio, nelle scuole, nelle piazze, il festival e la fondazione hanno voluto sposare questa causa, questo il commento a margine del presidente Alessandro Barbano.

La fondazione e la spinta della Regione si propongono di diventare una grande kermesse culturale nel mezzogiorno per qualità, ricchezza di contenuti ed anche originalità e vuole diventare uno dei più importanti festival per iniziative legate al libro.

Come prima edizione ha il privilegio della freschezza e l’originalità della soluzione, la Regione ha voluto scommettere su di noi e sul nostro progetto, il commento del direttore artistico Ruggero Cappuccio.

Era impensabile che Napoli non avesse un festival dedicato al libro, questo lo spirito alla base, fare rete, costruire sinergie, ci sarà uno spin off del Premio Elsa Morante con la scrittrice Dacia Maraini a fare da madrina e poi la finale del Premio Napoli, il Premio Cimitile, il Premio Serao in collaborazione Goethe-Institut Neapel, Cervantes de Napoles, Institut Francais de Naples, Circulo de Bellas Artes de Madrid che arricchiscono l’offerta delle 4 giornate.

Numerosi gli ospiti il premio Nobel Orhan Pamuk, Cristina Cassar Scalia, Cristina Comencini, Alberto Conejero, Maurizio De Giovanni, Diego De Silva, Hernan Diaz, Anja Kampmann, Hanif Khureishi, Jhumpa Lahiri, Livia Manera Sanby, Dacia Maraini, Hisham Matar, Silvio Perrella, Alessandro Piperno, Veronica Raimo, Maria Stepanova, Manuel Vilas e molti altri grandi scrittori.

Iniziative dedicate al sociale, a partire da “Una finestra sul libro”, progetto che coinvolgerà tre istituti penitenziari della Campania, l’istituto penale per i Minorenni di Airola, Casa Circondariale femminile di Pozzuoli e Poggioreale, con “Adotta un filosofo” un fattore di inclusione sociale, consente di avvicinare la fascia più giovane alla cultura coinvolgendo anche centinaia di scuole ed è diventato un punto di forza radicato nella nostra formazione.

La prima edizione del Festival è dedicata allo scrittore Raffaele La Capria, appena scomparso, un omaggio voluto dal direttore artistico della Fondazione Campania dei Festival, Ruggero Cappuccio, ad una delle voci più significative della letteratura italiana del secondo ‘900, per lui 3 serate con letture drammatizzate.

Al festival saranno inoltre presenti 90 editori, tra campani e nazionali, anche con un proprio spazio espositivo, i visitatori potranno seguire un percorso itinerante tra i 70 stand, disposti tra i diversi spazi del Palazzo Reale di Napoli e dei suoi giardini monumentali con ventotto laboratori, di cui sono aperte le prenotazioni che si terranno in 5 sale del Palazzo Reale e in 3 della Biblioteca Nazionale di Napoli Vittorio Emanuele III.
Quattro le aree tematiche, caratterizzate da giallo, verde, rosso e blu, rispettivamente per ascoltare le voci dal mondo, il brusio della natura, chi va e chi resta, le parole dell’altro.

Gli appassionati del libro potranno anche approfittare delle trenta postazioni del book crossing ovvero “il libro sospeso” si potrà prendere dagli scaffali installati nelle stazioni della Metropolitana di Napoli nelle fermate di Piazza Garibaldi, Piscinola, Montesanto, Torregaveta, Sorrento, Aversa con 350 volumi donati dall’Associazione Italiana Editori, mentre alcune librerie viaggianti saranno in giro per la città. 

Sono previsti, tra gli appuntamenti in programma, presentazioni di nuove pubblicazioni editoriali, laboratori performativi, lezioni mirate e inediti percorsi tematici, che creeranno una sinergia di ampio respiro con la città e il tessuto culturale, imprenditoriale e turistico che la lega al resto del mondo.

Il fumettista Michele Rech, in arte Zerocalcare, sarà il protagonista di un’anteprima al teatro Politeama di Napoli il 19 settembre alle ore 19.00, che ha già fatto registrare il tutto esaurito.




Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.