FAI: VISITE GUIDATE DA ALUNNI

Nell’ambito delle “Giornate Fai di Primavera”, la Pro Loco Sant’Anastasia, in conformità ai propri scopi sociali di valorizzazione del territorio e delle sue potenzialità culturali, artistiche e storiche, ha organizzato nei giorni 28 e 29 marzo 2015, con il patrocino del FAI (Fondo Ambiente Italiano), una visita guidata sul territorio di Sant’Anastasia.

Sono state coinvolte le scuole anastasiane Elsa Morante e il IV I.C. Gli studenti faranno da guida sul posto ed illustreranno ai visitatori, come “Apprendisti Ciceroni”, gli aspetti storici ed artistici di alcuni luoghi d’arte che resteranno aperti per l’occasione dalle ore 10,00 alle 18,00, tra cui la Biblioteca Francescana “Padre Guido Giustiniano” sita presso la Parrocchia di S. Antonio, la Cappella del “Servo di Dio Francesco Maione” e la Cappella del “Venerabile Francesco Maria Castelli”, luoghi appartenenti alla stessa parrocchia ed all’omonimo borgo antico.

L’evento è stato programmato con l’obiettivo di far conoscere l’importanza di amare e rispettare l’arte e la natura ed avvicinare i giovani al territorio anastasiano con la scoperta di spazi ed ambienti artistici e culturali, in collaborazione con il Comune di Sant’Anastasia ed il  FAI, fondazione no-profit che si occupa del paesaggio a rischio e minacciato, raccogliendo gli appelli delle comunità locali, facendo segnalazioni alle istituzioni competenti e intervenendo direttamente laddove possibile.

Grande entusiasmo ha manifestato il Presidente della Pro Loco Sant’Anastasia Enrico Cicirelli: “Abbiamo organizzato l’evento al fine di valorizzare il territorio artistico e culturale di Sant’Anastasia. Per l’occasione apriremo al pubblico la Biblioteca Francescana, nella quale si possono trovare circa 15000 volumi risalenti al ‘500, di cui buona parte sono relativi alla causa di beatificazione di Padre Pio. Un ringraziamento va a Padre Giacomo Verrengia, alle scuole che ci accompagnano in quest’esperienza ed all’Amministrazione comunale sempre attenta e vicina alle tematiche riguardanti la salvaguardia del territorio”.

“Il senso di appartenenza dei giovani al territorio si avverte anche nel rispetto e nell’amore che essi hanno verso i luoghi artistici e storici – dichiarano gli assessori Lucia Barra e Fernando De Simone. Un ringraziamento ai dirigenti e ai docenti che coinvolgono gli alunni in iniziative simili. Un plauso agli studenti che si cimenteranno nel fare da ‘Ciceroni’ dei nostri beni culturali”.

“E’ sempre importante valorizzare il territorio artistico e culturale con iniziative del genere e soprattutto coinvolgere ed avvicinare i giovani all’arte e alla cultura – dice il sindaco Lello Abete (in foto) – nonché a personaggi che hanno lasciato il segno nella comunità, come il “Servo di Dio Francesco Maione” ed il “Venerabile Francesco Maria Castelli”, .

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.