Musica sacra domenica a Casertavecchia

La musica come occasione di riscatto sociale e per rilanciare il territorio. L’attività della neonata fondazione onlus “Vis Unita Fortior” parte da un appuntamento imperdibile per gli appassionati e cultori della musica sacra. A Caserta Vecchia nel romanico  Duomo si svolgerà , infatti, un importante concerto domenica 6 luglio dalle 19,30.  Le millenarie volte e capriate della Chiesa dedicata a San Michele Arcangelo riecheggeranno delle note di Verdi, Gounod,Mozart alternate ad opere e testi  di Caccini, Handel, Franck, Mulè, Salvatore, Tavoni e Bottigliero.  Ad eseguirle ci sarà una prestigiosa ensemble composta dal violinista Andrea Esposito, dall’organista Colomba Capriglione, la cantante soprano Annagiulia Foglia, il tenore Enzo Peroni e il basso Luigi Palmiero.  Si tratta del primo concerto organizzato dalla Fondazione “Vis Unita Fortior”. L’istituzione  culturale che ha sede proprio nell’antico borgo medioevale di Caserta , ha tra i maggiori obiettivi  la valorizzazione musicale mediante attività formative ed educative oltre alla realizzazione di una vera e propria scuola musicale per l’organizzazione di stagioni sinfoniche,rassegne e festival. “Caserta come riferimento musicale internazionale è questa una delle nostre finalità – commenta il presidente della Fondazione Colomba Capriglione, docente di Composizione Corale e Direzione di Coro al Conservatorio di Frosinone –  Siamo consapevoli dell’impegno e dedizione che riteniamo  di profondere nella consapevolezza che solo nell’unità la virtù assume maggiore forza, che è il titolo della nostra fondazione”.  Non solo note ma educazione al bello, alla cultura e per creare occasioni di rilancio sociale ed economico del territorio tra gli obiettivi dell’ente che è stata fondata da personalità di spessore. Prestigioso il comitato scientifico composto dal coordinatore, il maestro Paolino Addesso,  Annagiulia Foglia, Federico Mileo, Antonio Mascoli e Giovanni Pagano. Tra i fondatori figurano anche il rettore del Duomo di CasertaVecchia monsignor Pietro De Felice e il sacerdote Antonello Giannotti, entrambi animati dall’obiettivo di valorizzare e promuovere ulteriori e significative occasioni di sviluppo dando speranza al territorio. “ Si tratta di un progetto ambizioso che prevede attività multiadisciplinari, riteniamo che vi siano le condizioni per creare le opportune interazioni cosi  conclude Colomba Capriglione.

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.