Napoli Horror Festival

Si è concluso il Napoli Horror Festival, e la direttrice Beatrice Baino ne ha tracciato con noi il risultato: "Sicuramente per essere una prima ha incuriosito molte persone, ed abbiamo avuto i complimenti sia di Sergio Stivaletti che di Federico Frusciante ieri per l'organizzazione".

Si è concluso il Napoli Horror Festival, e la direttrice Beatrice Baino ne ha tracciato con noi il risultato: “sicuramente per essere una prima ha incuriosito molte persone, ed abbiamo avuto i complimenti sia di Sergio Stivaletti che di Federico Frusciante ieri per l’organizzazione”.
Il programma è stato molto articolato e prevedeva ogni giorno due mostre, quattro performance, la proiezione di due film, un concorso, un escape room, dibattiti ed un incredibile jumpscare tunnel con proiezioni e attori.
Un viaggio nelle paure dell’uomo, di quello che è il suo lato più nascosto e più profondo, fatto di quelle verità che fanno paura a noi stessi, in sintesi è il Tunnel dell’Orrore, il cui argomento ha fatto anche da sfondo all’ultimo Incontro “La paura, strumentalizzazione ed antidoti”  con i Prof. Giuseppe Limone della “II Università di Napoli” e Sergio Brancato della “Federico II” cui hanno contribuito Anna Ceprano presidente dell Coop Campania e la giovane Anemome Ledger.
In serata ci sono state le premiazioni dei Cosplay dove ha vinto la piccola Annabel, ma non sono mancati dei fuori concorso come IT.
Ha chiuso la serata il fire performer Nullemai

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.