Sapevate che i VERI inventori del Personal Computer sono italiani?

Ebbene sì, a quanto pare nè il britannico Alan Turing e nemmeno gli statunitensi Wozniak e Jobs ma l’ingegnere Pier Giorgio Perotto che, alle dipendenze di Olivetti, nei primi anni ‘60 forma un team per lavorare ad un progetto allora considerato “IMPOSSIBILE”.

Considerando che all’epoca le macchine erano grandi come stanze ed utilizzabili solo da esperti programmatori.

In un anno nasce “Perottina”, ma a causa di una crisi finanziaria che stava attraversando Olivetti in quel momento, l’azienda vende il prototipo e tutti i brevetti all’americana General Electric con tutti i brevetti.

Il PRIMO PC fu presentato al BEMA di New York nel 1965  (salone delle macchine per l’automazione dell’ufficio) dove  ebbe un successo pazzesco soprattutto tra le persone comuni che poco si intendevano di elettronica.

Grazie anche al costo accessibile a tutti, ci mise poco ad espandersi, anche la NASA ne acquistò diversi esemplari.

Il resto è storia!


L’editoreel è la nuova rubrica pensata per i social media con lo scopo di riportare brevi #considerazioni e pensieri personali in una nuova e più moderna modalità di comunicazione

 

 

CHIUDI
CHIUDI