Al teatro Sannazaro il premio Masaniello 2022

Il premio Masaniello si distingue sempre per la ricerca delle eccellenze napoletane e quest’anno giunto alla XVII edizione è tutto dedicato alle donne.Nella magnifica cornice del teatro Sannazaro, la statuetta è stata donata a illustri professoresse, personalità del mondo accademico, del mondo civile, del giornalismo e artistico, unite da una un’unica idea, come dice l’incipit del premio: “Napoletane, un crescendo di storie raffinate”.
Le eccellenze universitarie a vario titolo dalla pedagogia alla storia, passando per l’oftalmologia alla matematica, una bravissima video giornalista di una emittente campana, una farmacista e la direttrice dei musei campani, una donna imprenditrice e per finire una bravissima cantante che ha deliziato la platea con un brano classico ed una hit contemporanea che sta andando per la maggiore in tutte le radio nazionali.

Qui di seguito le premiate:
Brunella Chiozzini conduttrice del videogiornale di canale 21,
Angela Margiotta consigliera dell’ordine dei farmacisti di Napoli,
Maria Luisa Iavarone professoressa di pedagogia all’Università degli studi Partenope,
Anna Capasso cantante,
Maria Antonietta Picone docente di storia dell’arte all’Università di Napoli,
Francesca Simonelli professoressa ordinario di oftalmologia università Luigi Vanvitelli,
Marta Ragozzino direttrice regionale Musei Campania,
Paola Zappa Claudio docente di matematica presso Università Suor Orsola Benincasa,
Viola Ardone scrittrice,
Alessandra Calise Martuscelli docente di geografia economica Federico II,
Armida Parisi giornalista responsabile pagina culturale del quotidiano Roma,
Carolina Visone vicepresidente vicario delegazione Campania associazione donne imprenditrici e dirigenti d’azienda,
Lucrezia Savino terzo anno facoltà di medicina,
Maurizio Trampetti per il premio alla carriera unico appartenente all’altra metà dell’universo.

La professoressa Iavarone “I premi sono la cartina di tornasole dell’impegno e del riconoscimento del sociale nei territori, ho collaborato in passato con l’associazione che promuove il premio Masaniello, non solo ci siamo riconosciuti e stimati fin da subito, abbiamo reciprocamente stabilito delle relazioni rispettando sempre le marginalità, le devianze e le povertà educative.
Stasera stare qui è una occasione conviviale per ritrovarsi con degli amici e soprattutto per ribadire il fatto che questa città ha bisogno di rete e di relazioni, un premio è un atto di relazione, è un tributo che va ricordato ed annoverato in maniera proiettiva”.
Una serata intervallata tra performance di canto con Enzo De Simone poeta e Carmine di Domenico tenore, Linda Airoldi soprano e Natalia Apolskaya al piano.

Le modelle dell’Istituto Statale d’istruzione superiore Isabella d’Este con Susy Abate danzatrice aerea appartenenti alla scuola di ballo Mister Dancing.
Letture delle motivazioni da parte di Bruno Caricchia ed Eleonora migliaccio dietro la direzione artistica di Umberto Franzese.
Ha condotto magistralmente la serata la giornalista Serena Albano mentre Laura bufano ha gestito l’affluenza alle pubbliche relazioni.
Il comitato scientifico presieduta da Luigi Rispoli con Ermanno Corsi, Ettore Capuano, Simonetta de Marinis e tanti altri.
La giuria presieduta da Franco Lista con Laura Miriello, Tullia Passerini ed Elena Saponaro che scelgono il meglio del panorama napoletano cui attribuire anno dopo anno il premio.

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.