Con Dorantes flamenco protagonista a Ferentillo

E’ stato il talentuoso pianista gitano David Peña Dorantes il protagonista di una delle serate del festival La Voce della Terra, organizzato dall’Associazione Visioninmusica e con la direzione artistica di Silvia Alunni.

La rassegna, giunta alla sua quarta edizione, si compone di concerti, visite guidate e percorsi enogastronomici nella Valnerina: Spoleto, Scheggino, Ferentillo e Sant’Anatolia di Narco sono infatti luoghi che tanto hanno risentito del tragico sisma umbro del 2016, e la loro promozione e rivalorizzazione è proprio il principale obiettivo della manifestazione.

La  splendida e generosa performance di Dorantes si è svolta nel suggestivo scenario dell’Abbazia di San Pietro in Valle a Ferentillo; il musicista ha presentato il suo quinto ed ultimo album, “Identity”: una affascinante commistione di generi frutto del suo talento non solo pianistico ma anche compositivo e chitarristico. Il fascino della sua musica ha tratto ulteriore forza dalla bellezza della location; l’abbazia medievale, incastonata nelle verdi colline della Valnerina ed oggi elegante relais, è stata il giusto contorno di una serata fatta di arte e di bellezza.

Dorantes, discendente di una famiglia andalusa di musicisti, è riconosciuto in tutto il mondo come il più grande interprete di flamenco del XXI secolo. E se lo strumento d’elezione del flamenco è la chitarra, Dorantes ha voluto innovare il genere, rendendo invece il pianoforte protagonista della scena, con una musica che mescola flamenco, jazz, e classica. Il tutto in nome di una grande libertà creativa che, unita all’audacia e ad una forte intelligenza espressiva, rendono la sua musica unica e innovativa.

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.