Torna in piena forma il Premio Elsa Morante ’22

Dopo due anni di blocco, il Premio Elsa Morante, organizzato dall’Associazione Culturale Premio Elsa Morante in collaborazione con la Rai Campania è giunto alla trentaseiesima edizione.

Il prestigioso premio letterario presieduto da Dacia Maraini e condotto da Tiuna Notarbartolo e Marco Bonini, si è tenuto presso l’Auditorium della Rai di Napoli, diretta da Antonio Parlati, per una edizione speciale dedicata idealmente agli “Stati generali dell’arte e della cultura”.

Hanno portato il loro contributo grandi nomi dei settori della cultura produttiva e della creatività.

I premi Elsa Morante 2022 sono stati Narrativa; Arte; Tv per il sociale; Comunicazione; Musica; Premio Elsa Morante Culture d’Europa; Premio Speciale Capitale della Cultura.

Il Premio Elsa Morante, forte di una memoria storica ben radicata, ha tenuto collegati scrittori e intellettuali che fanno o hanno fatto parte della giuria e quelli che di volta in volta hanno vinto nelle varie sezioni, arrivando a formare, oggi, una tra le più importanti reti culturali in Italia.
L’ambito riconoscimento è andato a grandi firme della nostra letteratura, da Annamaria Ortese a Stefano D’Arrigo, da Ferdinando Camon ad Alda Merini.
Inoltre la sezione dedicata all’opera prima ha dato il via a produzioni letterarie di alcuni riconosciuti autori di oggi: da Susanna Tamaro a Lara Cardella, da Elena Ferrante a Luciano Ligabue.
Dall’edizione 2012, quella del centenario della nascita di Elsa Morante, si è aggiunta la sezione “Morante musica”, che premia i grandi cantautori italiani, veri poeti in musica, la prima vincitrice è stata Gianna Nannini, poi entrata in giuria.
Intorno al premio letterario gravitano artisti, giornalisti, ospiti da tutta Italia.

Con Dacia Maraini, fondamentale rappresentante della letteratura italiana, i vincitori del “Morante”, hanno intavolato una discussione, tra proiezioni, parole e spettacolo, sul particolare momento storico e sulla loro esperienza, tracciando, appunto “Gli stati generali dell’arte e della cultura”.

C’è stato spazio per la questione Ucraina, col Direttore Crisafulli direttore dell’Istituto Italiano di Cultura di Kiev, che tornerà a breve in Ucraina, gesto molto nobile da parte sua, con un focus sul senso della cultura in quella parte d’Europa e sulla loro e nostra drammatica contemporaneità.

Con Diego Ambrosini si è discusso sulla bellezza dell’isola di cui è sindaco e capitale della cultura per l’anno 2022 e di come una piccola isola può portare tanta cultura e bellezza all’umanità.

Il tenore Piero Mazzocchetti che ha cantato sul palco il brano scritto nella città martoriata ucraina di Odessa.

Accanto a Maraini, in rappresentanza della sua giuria, ci saranno Francesco Cevasco, Teresa Triscari, Enzo Colimoro e David Morante.

La giuria del premio era composta da: Silvia Calandrelli (direttore di Rai Cultura), Francesco Cevasco (Corriere della Sera), Vincenzo Colimoro (giornalista), Roberto Faenza (regista), Monica Maggioni (Direttore TG 1), David Morante (diplomatico e nipote di Elsa Morante), Gianna Nannini (cantautrice), Paolo Ruffini (prefetto per la Comunicazione del Vaticano), il giornalista televisivo Maurizio Costanzo, Tiuna Notarbartolo (giornalista e scrittrice), Teresa Triscari (Ministero degli Affari Esteri, Diplomazia culturale – critico letterario).

Sul palco sono saliti i vincitori delle varie sezioni
Stefania Auci, scrittrice Premio Elsa Morante Narrativa con “L’inverno dei leoni”, Massimo Osanna, Premio per la Saggistica con “Pompei, il tempo ritrovato”, Carlo Fuortes, direttore generale Rai, Premio per la Comunicazione,
Edoardo Crisafulli, direttore dell’Istituto Italiano di Cultura di Kiev, Premio Culture d’Europa, Dino Ambrosino, sindaco di Procida, Premio Speciale Elsa Morante per la Capitale Italiana della Cultura ai ragazzi e alla produzione della fiction “Mare Fuori”, Premio Elsa Morante Tv per il sociale – Caffè Borbone, Piero Mazzocchetti che ritira il Premio Morante per il testo musicale “‘O sole mio”.

Marco Bonini attore, sceneggiatore e scrittore, ha gestito il palco insieme a Tiuna Notarbartolo, e alle sorelle dietro le quinte che coordinano marketing e comunicazione Iki e Gilda.