Alessandro Iovino rappresenterà il Museo della Bibbia di Washington

Sarà  il napoletano Alessandro Iovino il rappresentante europeo del Museo della Bibbia di Washington. Storico, saggista, scrittore e anche giornalista in seguito ad una vecchia collaborazione con questa testata.  Una notizia che mi riempie di orgoglio due volte, non solo per il ruolo prestigioso affidato ad un concittadino, ma anche perché conosco Iovino da oltre dieci anni.

Anni in cui l’ho intervistato, mi ha intervistato e al quale ho dato l’opportunità di accedere all’Ordine dei Giornalisti della Campania, albo dei Pubblicisti, perché a mio parere meritatissimo.

Il Museo della Bibbia, con i suoi otto piani e gli oltre 40mila metri quadrati di superficie,  è considerato il più grande al mondo. Scopo della struttura, inaugurata nel novembre 2017 di fronte il Campidoglio degli Stati Uniti, è invitare tutte le persone ad entrare in contatto con il potere trasformativo della libro sacro.

“Il Museo della Bibbia” era già stato oggetto dell’attenzione di Iovino che lo ha raccontato in un apprezzato documentario trasmesso in prima visione nazionale su TV2000 nel maggio 2020 dal titolo “Il Museo della Bibbia. Alla scoperta del libro dei libri”. Lo stesso reportage è stato poi doppiato e tradotto in arabo e trasmesso sul canale satellitare Noursat TV.

Ditemi se non meritava il tesserino? Ad Alessandro tanti cari auguri!