A Palazzo Donà va in scena la 59ma Biennale d’arte di Venezia

Va in scena a Venezia la 59° Esposizione Internazionale d’Arte che si svolgerà in Laguna fino al 27 novembre 2022, dopo una preapertura avvenuta nei giorni 20, 21 e 22 Aprile.

Quest’anno, per la prima volta, la Repubblica di San Marino ha il proprio padiglione presso l’incantevole Palazzo Donà dalle Rose, a sua volta sede della Fondazione Donà dalle Rose, creata dai conti Francesco e Chiara Modìca Donà dalle Rose, con l’intento di sviluppare attività di mecenatismo, promuovere iniziative culturali e sostenere progetti charity oriented sia in Italia sia nel resto del mondo.

Il Padiglione sammarinese è stato organizzato da FR Istituto d’Arte Contemporanea, supervisionato dal commissario Riccardo Varini e curato da Vincenzo Rotondo in collaborazione con Cris Contini Contemporay.

Otto gli artisti presenti con proprie installazioni: Elisa Cantarelli, Nicoletta Ceccoli, Endless, Michelangelo Galliani, Rosa Mundi, Roberto Paci Dalò, Anne-Cécile Surga, Michele Tombolini, chiamati ad interpretare il tema su cui è incentrato il padiglione nazionale POSTUMANO METAMORFICO, tra possibili trasformazioni e nuove forme di esistenza e coesistenza.

In occasione della Biennale Arte 2022, torna a calcare le scene di Palazzo Donà dalle Rose, con l’opera “Posology Humanity’s Time“, la visual artist Rosa Mundi che oltre ad essere rappresentata in tutto il mondo dalla mecenate Chiara Modica Donà dalle Rose è anche “ospite” a Palazzo con un proprio studio d’artista.

Rosa Mundi ha sempre avuto una particolare sensibilità e spiritualità nel modo di intendere l’Arte. Grazie all’utilizzo sapiente di materiali di recupero ha sviluppato il tema del Postumano Metamorfico dando vita a complesse installazioni incentrate sulla figura dell’Uomo – spiega Chiara Modìca Donà dalle Rose -. Sono orgogliosa di poter dare spazio e voce ancora una volta ad un’artista così raffinata e complessa i cui lavori vibrano di riflessioni e sentimenti. In qualità di presidente della Fondazione Donà dalle Rose sono entusiasta di poter ospitare l’incredibile Padiglione Sammarinese ed eventi anche internazionali di ampio respiro intellettuale e culturale”.

Questa esposizione  ispirata al libro surrealista dell’artista Leonora Carrington intitolata “Il latte dei sogni/the milk of Dreams”, nel quale si racconta di un mondo assolutamente libero in un rapporto autentico fra uomo e ambiente, corpo e terra, farà da sfondo all’incredibile impresa di Vienna Cammarota che partendo il 26 aprile dal Lazzaretto nuovo di Venezia e, descrivendo la via della seta in un contesto contemporaneo, percorrerà ben 15 nazioni  a piedi arrivando a Pechino alla fine del 2025.