Ai nastri di partenza la Fiera Agricola di Caserta

Al Consorzio Tutela Mozzarella di Bufala Campana DOP, presso la Reggia di Caserta, si è tenuta la conferenza stampa di presentazione di Fiera Agricola, la fiera internazionale dedicata all’agricoltura attraverso la tutela, la promozione del territorio e le specialità enogastronomiche, in programma al Polo Fieristico A1Expò, dal 22 al 25 aprile.


Hanno partecipato Pier Maria Cassani direttore consorzio mozzarella bufala, Antimo Caturano presidente Expo, Giuseppe Miselli direttore Coldiretti Caserta, Davide Minicozzi presidente associazione allevatori Campania Molise, Francesco Sabatino responsabile assessorato agricoltura Regione Campania, Giovanna Battipaglia docente dipartimento tecnologie ambientali università Vanvitelli di Caserta, Giuseppe D’Amore presidente Casartigiani Caserta.
Il tavolo è stato moderato dalla giornalista Adele Consola.
Fiera Agricola è una vetrina ideale per tutte le aziende produttrici nazionali e al tempo stesso riserva grande rilievo alle eccellenze locali.
L’evento rappresenta una piattaforma, dove il rapporto B2B tra il produttore e il consumatore si propone in maniera innovativa e diretta.
Fiera Agricola pone particolare attenzione alle esigenze del visitatore, che troverà durante i quattro giorni di fiera, una gamma completa di servizi in grado di soddisfare ogni sua necessità, saranno presenti aziende di produzione e di commercializzazione, provenienti da tutte le regioni italiane.
La fiera ha l’intento di confermarsi come punto di riferimento per promuovere prodotti, servizi e l’esposizione delle più recenti innovazioni tecnologiche e scientifiche del comparto agroalimentare del Mezzogiorno, di aziende di produzione di commercializzazione zootecnica tramite convegni, seminari e tavole rotonde con un orientamento speciale verso la valorizzazione del territorio, della qualità della vita e dei prodotti.
Giunta alla quindicesima edizione, la fiera vuole conservare radici, identità e valorizzazione del territorio, durante il fine settimana dal 22 al 25 di aprile ( festività) si terranno quattro aree tematiche che sono i pilastri dell’evento con attenzione al comparto bufalino e ai prodotti che da esso deriva come l’oro bianco ovvero la mozzarella, la principale attrazione.
I settori di competenza sono i macchinari, la zootecnia, le energie rinnovabili con la loro capacità di generare nuove opportunità di reddito e di risparmio nel settore agricolo e l’enogastronomia, un percorso alla scoperta delle meraviglie agroalimentari e vinicole della Campania.
La tecnologia, la transizione ecologica e sostenibilità sono gli argomenti che verranno trattati nei convegni negli stand di Coldiretti partner dell’evento insieme a Casartigiani, Associazione allevatori Campania e consorzio mozzarella bufala doc.
Pier Maria Saccani direttore consorzio mozzarella bufala DOP, “La nostra filiera è sempre stata vista come qualcosa di folkloristico, noi rappresentiamo un comparto economico, una filiera che riversa sul territorio parte dell’economia che produce e sta continuando a crescere, è un’agricoltura strutturata per cui siamo tutti legati e dobbiamo stare insieme per poter crescere e vincere, se siamo consapevoli di quanto rappresenta il nostro comparto, abbiamo la vocazione agricola, un forte legame con il territorio, con il passato e proiettati al futuro”.
“Voglio ringraziare innanzitutto le istituzioni che hanno creduto in noi, ha cosi commentato Antimo Caturano, Il Presidente della Fiera A1Expo, e ci hanno supportato, essere qui è una scelta di campo , abbiamo voluto estendere l’invito a tutti gli attori della filiera Campani nel campo dell’agricoltura aiutati dalla regione Campania che ci ha sopportato colgo l’occasione per ringraziare l’assessore Caputo, e come diceva qualcuno soltanto se facciamo squadra, uniti si vince”.
Dopo la cerimonia di apertura venerdì si terrà un battesimo della sella, un convegno dedicato alla bufala mediterranea con interventi di professori universitari e di Gianni Ruggiero assessore alle politiche agricole della Regione Campania.
La fiera si conclude lunedì 25 aprile con un convegno dedicato alla transumanza patrimonio UNESCO con interventi di Nicola De Niro direttore del centro rurale di assistenza Multiservizi e Iolanda Capriglione presidente Club UNESCO di Caserta e per concludere caroselli dimostrativi, un addestramento etologico e degustazione del caciocavallo podolico.
Ad attrarre pubblico saranno anche gli showcooking dal vivo a cura di chef rinomati, vincitori di premi nel campionato nazionale di categoria.
Convegni dedicati al settore enovinicolo, agli apicoltori, caroselli e dimostrazione di discipline western per rendere la fiera ancora più appetibile, per  non parlare delle degustazioni di formaggi caprini e ovini a cura della associazione allevatori Campania e Molise.