Carnevale di Venezia, Remember The Future: tradizione e innovazione a confronto

Con la citazione del pittore Salvador Dalì, che dà il titolo all’edizione di quest’anno, è in corso il Carnevale di Venezia 2022. Un’edizione che ha introdotto un programma completamente rivisitato per consentire i festeggiamenti nonostante la pandemia, in linea con il titolo: innovazione e tradizione si incontrano.

È iniziato proprio con questo spirito anche l’atteso spettacolo Nebula Solaris, l’evento principale di questo Carnevale, con due spettacoli al giorno fino a martedì. La splendida cornice dell’Arsenale – un tempo sede della Marineria della Serenissima – ospita giochi di luce che si svolgono, per trenta Minù, su imbarcazioni e chiatte galleggianti.

Protagonista l’acqua, elemento caratteristico della città, con riflessi, fontane e pareti illuminate che hanno rappresentato, tra l’altro, il Ponte di Rialto, la Basilica di San Marco e il suo iconico Leone.

Numerosi artisti in  maschera – guidati dalla regia delle compagnie teatrali Opera Fiammae e Viorica – hanno sfilato con costumi tradizionali e maschere tipiche. Un’esibizione contraddistinta da danze acrobatiche, giochi col fuoco e coreografie incantevoli accompagnate sapientemente da musiche di ispirazione cinematografica.

In un connubio perfetto fra tecnologia e performance dal vivo, una decina di imbarcazioni e una trentina di artisti – compreso un aliante a idropropulsione cavalcato da un artista vestito da robot- hanno regalato al pubblico di Venezia un omaggio ai suoi milleseicento anni di storia che l’hanno resa, insieme al suo Carnevale, una delle città più visitate al mondo.