Napoli celebra la Giornata mondiale del pizzaiuolo

All’Istituto Ipsoa di Monteruscello si è tenuta la presentazione della ” Giornata mondiale dedicata al pizzaiolo” come figura professionale a tutto tondo, sono intervenuti Sergio Miccù, presidente APN, il preside della scuola alberghiera che ci ospita Filippo Monaco, Antimo Caputo dell’omonimo Mulino.
Una giornata importante in quanto coincide con la festa di Sant’Antonio Abate, protettore dei pizzaiolo, istituita come la Giornata mondiale della pizza napoletana e dell’Arte dei Pizzaioli Napoletani, quest’ultima dichiarata dall’Unesco Patrimonio Immateriale dell’Umanità.
La pizza napoletana classica ha anche ricevuto il riconoscimento di specialità tradizionale garantita (Stg), protetta dall’Ue contro imitazioni e falsi.
Sergio Miccù, presidente dell’Associazione Pizzaiuoli Napoletani e Filippo Monaco, preside dell’istituto Alberghiero Lucio Petronio, hanno illustrato il nuovo indirizzo didattico appena partito, dal percorso di studi nascerà la figura di “esperta in pizzeria”, come quella già esistente di Cucina, di Pasticceria o di Sala.
Il nuovo indirizzo formativo, ha detto il Presidente dell’APN, consentirà di garantire una formazione adeguata ai pizzaiuoli di domani, dalle fondamenta, sin dagli studi di base all’Istituto alberghiero.
Con l’Istituto Lucio Petronio , continua il Presidente, stiamo collaborando anche per il progetto internazionale “Un Pizzaiuolo per Procida”, che abbiamo già presentato a Palazzo Migliaresi a Pozzuoli in vista di Procida 2022: una sezione del concorso sarà riservata ai ragazzi dell’Istituto alberghiero”.
La giornata dedicata al pizzaiolo è stata inserita all’interno di un discorso ben più ampio per valorizzare l’evento abbiamo chiesto ai pizzaioli aderenti al concorso, di scatenare la loro creatività per una pizza dedicata alla capitale della cultura 2022.
L’iniziativa nasce per valorizzare i pizzaioli di tutto il mondo e proporre i migliori abbinamenti realizzati con i prodotti tipici dell’isola procidana, le cui migliori ricette verranno selezionate per partecipare alla fase finale.
Quindi la giornata di oggi, conclude il presidente Miccù, ha lo scopo di promuovere e valorizzare le eccellenze tipiche dell’isola di Procida e dei prodotti di campagna made in Italy il cui obiettivo è quello di divulgare e rinnovare l’arte del pizzaiolo napoletano.
Abbiamo accolto l’invito del Comune di Procida e dell’Associazione Pizzaiuoli Napoletani, dichiara il professor Filippo Monaco, dirigente scolastico dell’Ipseoa Petronio di Pozzuoli, perché riteniamo che come istituto alberghiero dobbiamo essere in linea con i tempi senza tralasciare la nostra tradizione, la vera risorsa inesauribile su cui possiamo fare riferimento per il futuro.
Insieme all’APN presieduta da Sergio Miccù abbiamo proposto corsi per pizzaiuoli già da qualche anno e abbiamo voluto certificare questo percorso.
Al termine della presentazione è stato proiettato il documentario “Farina Acqua e Lievito” di Giuseppe Alessio Nuzzo con gli autori che hanno raccontato la loro esperienza.
Ha moderato la giornalista Brunella Cimadomo