Ai nastri di partenza la 10^ edizione di VisiTuscia

Promuovere e commercializzare le potenzialità della provincia di Viterbo con opportune strategie di marketing mirate sia al pubblico che al privato. E’ questa la principale mission della manifestazione, promossa dal CAT -Centro Assistenza Tecnica Sviluppo Imprese di Viterbo in partenariato con la Provincia di Viterbo e la locale Camera di Commercio, giunta alla sua 10^ edizione.

Sostengono altresì la manifestazione con il loro patrocinio l’Enit-Agenzia, la Regione Lazio e l’Ente Bilaterale del Turismo del Lazio. Dopo i lusinghieri successi delle passate edizioni, dunque, VisiTuscia rinnova l’appuntamento con gli operatori, i professionisti del settore e con la stampa specializzata per presentare un territorio ricco sotto ogni aspetto: dalla cultura (è al centro dell’Etruria), al termalismo, dalla natura al   turismo religioso (Via Francigena), per finire con l’enogastronomia di qualità.

Gli appuntamenti quest’anno saranno due: il primo a fine maggio, rivolto principalmente all’offerta turistica (cultura, ambiente, sport e termalismo) e il secondo a fine ottobre/inizio novembre rivolto alle eccellenze enogastronomiche che vedrà impegnati operatori della domanda e dell’offerta (B2B).Tuttavia, essendo stato il 2018 proclamato dal MBACT Anno Italiano del Cibo, anche l’appuntamento primaverile non mancherà di promuovere l’industria enogastronomica del territorio che vanta produzioni agro-alimentari di grande rispetto come l’Olio Extra Vergine di Oliva DOP Canino e Tuscia, le Castagne e le Nocciole dei Monti Cimini, le numerose DOC e IGT del settore vinicolo e moltissime altri prodotti di eccellenza (patate, lenticchie, fagioli, salumi, panificati, ecc.)

Quest’anno inoltre, particolare interesse sarà riservato a quelle località risultate vincitrici del bando della Regione Lazio sulle “Reti d’Impresa su Strada” (Canino, Marta, Capodimonte, Vetralla e il capoluogo Viterbo) e alle loro specificità.

Allo scopo sono stati predisposti nuovi ed interessanti pacchetti turistici che saranno promossi attraverso i principali canali della comunicazione e, soprattutto, attraverso la stampa specializzata. L’obiettivo è quello di far conoscere il territorio e tutte le sue potenziali ricchezze in continuità con quanto è stata fatto in passato. “Non a caso, ha precisato il Presidente del CAT, Vincenzo Peparello, le precedenti edizioni di VisiTuscia hanno generato una ricaduta del 30% di crescita sulla programmazione dei tour operator ed un rilevante vantaggio in termini economici per le aziende che vi hanno partecipato.

 

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.