SITI UNESCO: ACCORDO REGIONE VENETO-UNIVERSITÀ IUAV

Sarà l’università  Iuav di Venezia a mettere a disposizione professionalità, studi e competenze per valorizzare i siti Unesco del Veneto e sviluppare nuove proposte di candidatura.

Questo l’obiettivo dell’accordo di programma siglato tra il presidente della Regione Veneto Luca Zaia, e il rettore dell’istituto universitario veneziano, Alberto Ferlenga.

“Il Veneto è una delle regioni italiane con il maggior numero di eccellenze culturali e ambientali che l’Unesco ha riconosciuto patrimonio dell’Umanità. E altri siti sono candidati al riconoscimento internazionale, come le colline di Conegliano e Valdobbiadene e i cicli di affreschi trecenteschi della Padova medievale – dichiara il presidente Zaia –  Con questa iniziativa la Regione potrà avvalersi delle conoscenze e delle capacità progettuali dei docenti e degli studenti dell’istituto universitario di architettura di Venezia per sviluppare forme ottimali di promozione e gestione dei siti Unesco già riconosciuti e per supportare le nuove proposte di candidatura. La collaborazione con l’università veneziana ci aiuterà a qualificare al meglio il lavoro di squadra per valorizzare le bellezze del nostro territorio”.

I siti protetti dall’Unesco in Veneto attualmente sono sette: Venezia  e la sua laguna, l’orto botanico di Padova, Vicenza e le ville palladiane, Verona, le Dolomiti, i siti palafitticoli dell’arco alpino e le opere di difesa veneziane tra ‘500 e ‘600.  A questi potranno aggiungersi, se le proposte di candidatura supereranno il vaglio dell’organismo internazionale, le colline del Prosecco e Padova ‘urbs picta’. Altre proposte di candidatura sono già in cantiere.

L’accordo di programma con lo Iuav prevede un impegno finanziario di 26.500 euro.

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.