IL CONTINGENTE ITALIANO NELL’ ASSISTENZA SANITARIA ALLA POPOLAZIONE DEL SUD DEL LIBANO

Nei giorni scorsi il contingente italiano di UNIFIL, nell’ambito della missione multinazionale nel sud del libano, ha portato a termine diverse attività di assistenza sanitaria – Medical Care. Gli interventi di assistenza hanno visto impegnati i caschi blu (medici e infermieri) di ITALBATT, unità di manovra a guida Genova Cavalleria (4°) e del quartier generale del Sector West di Shama, su base Brigata Friuli.

Le Medical Care vengono svolte costantemente all’interno delle basi militari e talvolta, con cadenza periodica, negli stessi villaggi in virtù di accordi con le amministrazioni locali. Vengono visitati soprattutto bambini, affetti da patologie che vanno dal semplice raffreddore all’ustione di vario genere, che vengono curati ed assistiti dal personale medico fino alla risoluzione del problema, anche e soprattutto fornendo loro i medicinali necessari.

I militari italiani svolgono anche programmi di prevenzione in favore della popolazione più giovane, soprattutto nelle scuole, come ad esempio le lezioni di cura ed igiene dentale svolte dal personale della cellula di Cooperazione Civile Militare (CIMIC) di ITALBATT all’interno del settore di responsabilità.

Queste attività vengono portate a termine dalla Cooperazione Civile e Militare del contingente italiano, nel pieno rispetto dei compiti assegnati dalla risoluzione 1701 del 2006 delle Nazioni Unite, al fine di garantire l’assistenza alla popolazione e migliorarne le condizioni di vita.

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.