Contrasto al terrorismo: 4.800 militari italiani impiegati nei servizi di vigilanza

Via libera dal Comitato Nazionale per l’Ordine e la Sicurezza pubblica all’attuazione del piano di impiego del contingente di 4.800 militari nei servizi di vigilanza a siti e obiettivi sensibili.

​Il contingente assicurerà, in forma ampliata, la prosecuzione dell’Operazione “Strade sicure” anche in relazione alle nuove esigenze contro il terrorismo.

Il consiglio del ministri aveva approvato lo scorso 10 febbraio – all’interno del decreto legge per il contrasto del terrorismo e le missioni internazionali – la proroga dell’Operazione strade sicure fino al 30 giugno 2015.

In particolare, aveva approvato il rafforzamento del contingente messo a disposizione dalle Forze Armate che passa da 3.000 a 4.800 unità, delle quali un’aliquota sarà dedicata esclusivamente alle attività di vigilanza connesse agli interventi di recupero delle aree agricole contaminate della Campania (per l’operazione “Terra dei Fuochi”), altri 600 militari saranno a disposizione con l’inizio di Expo per presidiare gli obiettivi sensibili.

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.