Italia Meridionale

XXIX anniversario omicidio Giancarlo Siani


Martedì 23 settembre, ricorre il XXIX anniversario dell’omicidio di Giancarlo Siani, il cronista del quotidiano “Il Mattino” ucciso dalla camorra al Vomero nel 1985.

In sua memoria e nei pressi delle rampe a lui intitolate in via Suarez, alle 9.30, si svolgerà la tradizionale deposizione dei fiori a cura del Comune di Napoli, alla presenza di rappresentanti delle Istituzioni, delle Forze dell’Ordine e dell’Associazionismo.

Seguirà, alle ore 11, nella Sala Siani de “Il Mattino” in via Chiatamone, l’XI Edizione del Premio Giancarlo Siani, a cura dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, dell’Università degli Studi di Napoli Suor Orsola Benincasa, del “Mattino” e dell’Associazione Siani, sotto l’alto patrocinio del Parlamento Europeo, con l’adesione del Presidente della Repubblica, con il patrocinio del Senato della Repubblica, della Camera dei Deputati, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero della Giustizia, della Regione Campania e del Comune di Napoli. La cerimonia di premiazione sarà coordinata dal Direttore de “Il Mattino” Alessandro Barbano.

Durante l’iniziativa sarà proiettato il trailer del filmato “In viaggio con la Mehari“, realizzato da Aldo Zappalà, che documenta il percorso culturale ed istituzionale -promosso da Fondazione Polis, Libera, Coordinamento campano dei familiari delle vittime innocenti della criminalità e Ossigeno per l’Informazione – della Mehari di Giancarlo, partita dal Vomero proprio il 23 settembre dello scorso anno per approdare presso le due Camere del Parlamento italiano e a Bruxelles, sede del Parlamento Europeo, portando con sé le storie di tutte le vittime innocenti della criminalità e dei giornalisti uccisi dalle mafie e dal terrorismo e nei territori colpiti dalle guerre, nonché dei cronisti ancora sottoposti a minaccia.

Chiusura alle 17.30 al Palazzo delle Arti di Napoli in via dei Mille, con inaugurazione aperta alla cittadinanza della mostra per Giancarlo Siani e tutte le vittime innocenti di criminalità, curata dall’architetto Antonella Palmieri, e proiezioni video e recital.

Si allega il programma delle iniziative.


Rispondi