VITTIME DELLA TRATTA IN VENETO, SETTIMANA DI INIZIATIVE PER LA GIORNATA EUROPEA

Il 18 ottobre  si celebra la 12° Giornata Europea contro la Tratta di esseri umani istituita dalla Commissione Europea per sensibilizzare l’opinione pubblica e le istituzioni sui fenomeni di sfruttamento nell’ambito sessuale, sfruttamento lavorativo, accattonaggio forzato ed economie illegali forzate (spaccio e furti). In Europa si calcola che siano quasi un milione le persone vittime di tratta e/o di grave sfruttamento nel continente europeo.

Ogni anno in Italia oltre 6000 persone vengono ascoltate dai uno dei 21 progetti anti-tratta italiani: di esse circa 1000 entrano in un programma di assistenza e protezione come vittime di gravi reati.

Per richiamare l’attenzione su questi fenomeni, il Dipartimento delle Pari Opportunità, il Numero Verde Nazionale contro la Tratta (800 290 290), il Progetto N.A.Ve (Network Antitratta Veneto) di cui il Comune di Venezia è capofila e la Regione Veneto regista, hanno organizzato una settimana di eventi e iniziative nelle città del Veneto e in altre città italiane, con diffusione di materiale informativo e il lancio di palloncini arancioni con l’hashtag/slogan #liberailtuosogno.

Il progetto N.A.Ve, tramite il lavoro di rete multi-agenzia con istituzioni, servizi, Forze dell’Ordine e Autorità giudiziaria, opera per garantire i diritti, offrire protezione alle vittime e promuovere il contrasto delle reti criminali.

Il lavoro quotidiano degli operatori ha consentito di contattare nell’anno in corso in Veneto oltre 3500 persone a rischio di tratta nel mondo del lavoro e della prostituzione, di attivare oltre 400 valutazioni di potenziali vittime di tratta e di garantire protezione, assistenza e in inserimento socio lavorativo ad un centinaio di donne e uomini vittime di tratta.

 “Il fenomeno della tratta non è solo sfruttamento sessuale della prostituzione – sottolinea Manuela Lanzarin, assessore al sociale della Regione Veneto – ma comprende anche sfruttamento lavorativo, caporalato, accattonaggio, matrimoni forzati, riduzione in schiavitù. E’ un fenomeno pervasivo e sommerso, difficile da identificare. Ma che può essere prevenuto e contrastato solo se tutte le ‘agenzie’ del territorio si  mettono in rete e lavorano insieme. Questo è il valore del network antitratta in Veneto: lavorare con una logica di ‘filiera’ tra pubblico e privato, tra forze dell’ordine, istituzioni locali e privato-sociale, consente di fare prevenzione, di intercettare le mafie criminali e di aiutare le persone a denunciare e a recuperare dignità e futuro in un quadro di legalità, contrastando illegalità, sfruttamento, caporalato e lavoro nero. La settimana veneta di sensibilizzazione e preparazione della Giornata europea del 18 vuole promuovere un’attenzione consapevole e alimentare la speranza perché ogni persona possa veder rispettati i propri diritti e vivere libera da ricatti e vessazioni”.

Nel sito del Numero Verde nazionale (www.osservatoriointerventitratta.it), nella sua pagina Facebook e nella pagina Facebook dedicata alla 12esima Giornata Europea contro la Tratta è possibile consultare il programma delle iniziative che si svolgono nelle città che hanno aderito alla campagna di sensibilizzazione.

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.