“VIAGGIO AL CENTRO DELLA TERRA” A CAPRI CON APERTURA SERALE DI VILLA LYSIS

Apertura Straordinaria di Villa Lysis, Mercoledì 15 Agosto a partire dalle ore 20 fino al consueto appuntamento con i fuochi di Ferragosto,  ben visibili dalla dimora liberty sul tetto di Capri.

Un doppio spettacolo, tra arte e natura, grazie alla video proiezione interattiva dell’artista Michelangelo Bastiani che accoglierà gli ospiti della Villa in versione by night per una mostra/evento di grande suggestione.
Il progetto, dal titolo “Viaggio al centro della terra”, realizzato con il supporto di Liquid Art System, consiste in una video installazione proiettata a terra, di circa 5 metri di diametro, raffigurante un geyser islandese e un vortice d’acqua.  L’opera è interattiva, ciò vuol dire che, grazie a dei particolari sensori,  risponderà al movimento dello spettatore, invitato ad interagire con essa.
Il confronto tra artificio e natura è un tema centrale nella storia dell’arte: pittori, scultori e architetti nel corso dei secoli hanno ricreato il mondo attraverso le lenti delle loro opere, Michelangelo Bastiani accetta questa sfida rigenerando i fenomeni naturali attraverso i più recenti dispositivi digitali. Un processo futuristico dell’arte, che unisce oggetti multimediali e reali, dove l’opera diventa un luogo di animazione culturale interattiva, definendo un rapporto interpersonale più forte tra lo spettatore e la produzione artistica contemporanea.
Le opere di Bastiani sono installazioni video su grandi schermi, proiezioni video interattive e ologrammi, con particolare attenzione agli elementi della natura e allo stato della materia.
L’acqua è stata la chiave della sua ricerca sin dagli esordi, con l’obiettivo di rappresentare un’arte in continua evoluzione. Come Eraclito, uno dei padri dell’antica filosofia greca, affermava: “Nessun uomo può bagnarsi nello stesso fiume per due volte, perché né l’uomo né le acque del fiume sono gli stessi.” Proprio per la sua natura dinamica, l’acqua è sempre stata difficile da rappresentare.
Bastiani è in grado di affrontare questa difficoltà tramite una tecnologia di interazione tangibile, che comunica direttamente con lo spettatore: la sua cascata digitale non manterrà mai un flusso costante, ma cambierà a seconda del movimento dello spettatore, come parte del processo cinetico del lavoro. La natura si fonde con l’artificio: la forza degli elementi trova rappresentazione in un connubio antitetico, di prigionia della natura per mano dell’uomo ma anche di esaltazione e imprescindibilità dell’uno nei confronti dell’altra.
L’artista toscano offre ai fenomeni naturali  una nuova casa. Il video interattivo è un avvenimento perenne in cui il l’opera vive e cambia, determinando infinite variabili. Così, la relazione tra opera ed osservatore diventa più partecipata trasformando ciò che immaginiamo come la tradizionale visita “passiva” in “attiva”.
Tra reale e virtuale, Bastiani dà vita a una terza dimensione in cui natura e artificio coesistono, seguendo una ricerca artistica in cui l’unica costante sembra essere la trasformazione e l’evoluzione delle sue opere nel tempo.

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.