Tre ricercatori campani alla mezza maratona di Ginevra

Tolti camici e guanti hanno partecipato ad una vera e propria mini-maratona. Tra i 13mila che nel fine settimana del 3 e 4 maggio hanno preso parte alla maratona e alla mezza maratona di Ginevra, la quinta consecutiva a favore dell’Unicef, vi erano anche tre ricercatori campani dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare: due napoletani, Michela Biglietti e Paolo Iengo, e un casertano Stefano Mastroianni. Allenati alle sfide, non solo con particelle ed esperimenti, i tre si sono attestati sotto le tre ore per compiere i circa 21 chilometri della mezza maratona, in media circa 2 ore per l’intero percorso. Biglietti e Iengo sono a Ginevra per partecipare attivamente ai lavori per la scoperta del bosone di Higgs, mentre Stefano Mastroianni è impegnato su progetti internazionali per la fisica dei raggi cosmici. Per loro c’è stata comunque l’emozione di partecipare a questa importante iniziativa sportiva internazionale (vi erano persone provenienti da 145 paesi) e l’aver ottenuto comunque una medaglia.

Meno fortunati gli accompagnatori italiani dei tre ricercatori, incaricati di fare foto commemorative dell’evento, hanno perso l’attimo “fuggente” dell’arrivo. Sarà per il prossimo anno.

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.