Serial Killer: Il fascino del crimine proroga l’apertura della mostra a Jesolo

Hanno ispirato ed ispirano ancora, best seller e film con incassi da capogiro, per questo non c’è da sorprendersi se anche una mostra espositiva di oggetti e ricostruzioni raggiunge un successo tale da essere prorogata.

Così , “Serial Killer: dalla vittima al carnefice”, organizzata a Jesolo da Monica Montellato non chiude e per tutta l’estate anche i vacanzieri della cittadina balneare potranno fare un viaggio nella mente dei criminali più efferati attraverso foto, oggetti personali e l’aiuto delle guide.
La gente è affascinata dal crimine, e in particolare le donne, che sembrano essere più informate e più curiose sull’argomento.
Sembra che ci sia una vera e propria passione nel seguire le vicende e i casi dei serial killer più terribili. Addirittura ne esisterebbe un mercato: le lampade di pelle umana di Ed Gein sono state vendute dopo la sua morte a collezionisti privati.
La mostra, realizzata con l’aiuto del “Museo di Arte Criminologica” si rivela suggestiva e “forte”, non adatta a persone particolarmente sensibili.

Clicca qui per le altre foto