La città metafisica nella fotografia di Gabriele Croppi

Ideazione, programmazione e gestione del tempo, sperimentazione tecnica, editing, maturazione e raggiungimento di un registro formale personale e coerente. Sono questi gli argomenti che Gabriele Croppi tratterà durante il laboratorio di fotografia dal titolo “La città metafisica” che si svolgerà a Roma, nel Quartiere EUR (primo modulo: 11, 12, 13 settembre), e nelle Città di Fondazione (secondo modulo: 18, 19, 20 settembre), sedi di alcuni fra i massimi esempi di architettura razionalista italiana.

L’obiettivo del laboratorio è fornire gli strumenti tecnici e teorici per la realizzazione di un progetto fotografico autoriale, nelle diverse fasi che costituiscono il processo creativo: ideazione, programmazione e gestione del tempo, sperimentazione tecnica, editing, maturazione e raggiungimento di un registro formale personale e coerente. Il laboratorio si rivolge ad appassionati di qualsiasi età e competenza ed è aperto all’utilizzo di qualsiasi strumento, dai telefoni cellulari alle reflex digitali. Per i possessori di reflex o mirrorless è consigliato (ma non obbligatorio) l’utilizzo del cavalletto.

Gabriele Croppi nasce a Domodossola  nel 1974. Alla sua innata passione per la pittura si aggiunge, negli anni, quella per la fotografia rapportandola ad altre arti: dalla pittura al cinema.  Nel 2011 vince l’“European Photo Exhibition Award”, ed è selezionato a fare parte di un team di 12 fotografi  di tutta Europa chiamati ad interpretare il concetto di “Identità europea”, per un ciclo di mostre nelle città di Amburgo, Lucca, Parigi ed Oslo. Attualmente vive e lavora a Milano nel campo editoriale, dedicandosi anche all’insegnamento presso l’Istituto Italiano di Fotografia.

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.