Ripple, la criptovaluta che piace tanto alle banche

Ripple è una criptovaluta alternativa a Bitcoin dalla quale la separano alcune differenze.  Il progetto risale al 2004 con il solo obiettivo di consentire alle persone di creare le proprie valute locali in diverse comunità.

Nel 2012, dopo la creazione di Bitcoin, il team ha fondato una nuova società, Open Coin, il cui nome è cambiato l’anno successivo in Ripple Labs, all’origine del programma di ripple token. L’ideera quindi di utilizzare server decentralizzati, come fa Bitcoin, per convalidare le transazioni e semplificare i trasferimenti internazionali di denaro.

Nel 2014, Ripple Labs ha deciso di concentrarsi sugli scambi interbancari. Xrp (l’acronimo che indica il token ripple) viene quindi utilizzato come valuta di compensazione universale (non come valuta di pagamento) per semplificare le transazioni intervalutazionali (scambio istantaneo per diversi giorni di elaborazione con il sistema tradizionale) e renderle meno costose. I privati possono acquistare Ripple? Sì. Tuttavia, non fanno parte della rete nel senso che non sono validatori.

Ciò di cui ha bisogno l’Xrp per ottenere il suo status di moneta di compensazione universale, è avere la massima liquidità. L’apertura al pubblico accresce questa liquidità. Tuttavia, per i privati, l’utilità intrinseca della criptovaluta è nulla in quanto essi non possono usarla sulla rete Ripple, a meno che non siano validatori. Gli acquisti individuali sono quindi motivati esclusivamente da considerazioni speculative.

Il prezzo è aumentato del 70.000% in un anno. Questo interesse è direttamente legato all’annuncio di una serie di partnership: circa 100 istituti finanziari utilizzeranno la tecnologia Ripple per offrire servizi di pagamento istantaneo. Ora vale tra i 3 e i 4 dollari sulla maggior parte delle piattaforme di trading, mentre lo scorso marzo valeva meno di un centesimo. La sua capitalizzazione rappresenta ora quasi 145 miliardi di dollari. Questo rende Ripple la seconda moneta crittografica più importante dopo Bitcoin. E’ quindi superiore a Ethereum, il cui corso azionario è comunque di 968 dollari ma la cui capitalizzazione non supera i 100 miliardi di dollari.

A differenza dei blockchain Bitcoin e Ethereum, il blockchain Ripple non utilizza miner che mettono a disposizione potenza di calcolo per eseguire operazioni crittografiche per convalidare i blocchi di transazione. In questo caso tutti i token sono già pre-minati (tutti sono già creati, ma solo circa il 40% sono in circolazione sul mercato, il resto sono bloccati) e le transazioni sono convalidate da un sistema di voto.

È però un errore analizzarla con la stessa griglia di lettura delle altre criptovalute e soprattutto di Bitcoin. A causa del suo funzionamento, la rete in oggetto è ben lungi dall’essere distribuita come la rete Bitcoin. È una rete chiusa. Ora ci sono circa un centinaio di nodi. Questi nodi corrispondono principalmente agli istituti finanziari che hanno accettato di seguire la Carta. Insomma, Ripple non è un bis di Bitcoin. Non è alla ricerca di perturbazione, ma è per l’ottimizzazione del esistente.

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.