RAVELLO. RITORNA LA VIA CRUCIS IN COSTUME

CROCIFISSIONEDomenica 13 aprile, ritorna a Ravello lo straordinario spettacolo della Via Crucis in Costume. Dalle 20 e fino a tarda sera la Città della Musica farà un balzo indietro nel tempo di circa 2000 anni: occultate insegne, cartelli stradali e vetrine, smorzati i lampioni pubblici e le luci domestiche, i vicoli e le piazze saranno illuminate dal solo bagliore delle fiaccole e saranno animate dal canto dei “Battenti di Minori”, dai “Coristi di Sorrento” e dalle preghiere dei fedeli. Per le viuzze della città, in un’atmosfera unica e magica, 300 tra attori e figuranti provenienti da tutta le Costiera Amalfitana e oltre, faranno rivivere il racconto centrale della rivelazione cristiana: da Gesù che ammaestra la folla al bacio di Giuda, dall’arresto al processo davanti al Sinedrio. E poi le menzogne di Pietro, la fragilità di Pilato, l’incontro con la Madre sulla salita per il Calvario, le cadute, il gesto di solidarietà della Veronica, le Pie donne ed infine, la Crocifissione fra i due ladroni. L’immenso lavoro, partito già mesi fa è, come da tradizione, organizzato dal gruppo teatrale “La Ribalta” e da Alfonso Mansi, regista e custode dell’evento più atteso della Pasqua in Costiera Amalfitana. “Grazie all’Amministrazione Comunale che sostiene con convinzione questa manifestazione, alla Fondazione Ravello, al Comitato Festa Maria SS. Addolorata, all’Associazione “Borghi in Festa”, all’AAST e ai tantissimi amici e giovani che hanno dedicato ore e ore del loro tempo per la realizzazione di questa vera e propria opera teatrale a cielo aperto, siamo orgogliosi di riproporre, questo grande evento a tutti coloro che con noi vorranno rivivere quei giorni di due millenni fa che hanno cambiato per sempre la storia del mondo”. dice Alfonso Mansi che sta seguendo gli ultimi dettagli in vista dell’appuntamento fissato per le 20 di domenica 13 aprile a Piazza Fontana Moresca dove prenderà il via la sacra rappresentazione.

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.