Raccontare Napoli dai giornali ai libri tra vicoli e misteri

Un viaggio nel cuore di Napoli tra mistero, storia e leggenda, “perché a Napoli, ogni pietra è uno scrigno di antiche memorie e ogni vicolo, ogni cortile, ogni palazzo racconta, a chi vuole ascoltarle, storie da brivido: storie d’amore e di morte, storie di incantesimi e maledizioni: storie napoletane”. Le parole del giornalista Vittorio del Tufo fotografano perfettamente l’atmosfera che caratterizzerà “Raccontare Napoli: dai giornali ai libri tra vicoli e misteri”, la serata letteraria con i giornalisti-scrittori che hanno raccontato Napoli organizzata giovedì 16 Marzo alle ore 21 da “Il Clubino”, il circolo culturale napoletano (in Via Luca Giordano 73) diretto da Piera Salerno.

Dopo il grande successo di Match Point, la rassegna culturale di incontri con i napoletani eccellenti, che dopo Aldo Masullo e Massimo Capaccioli ospiterà Gino Rivieccio il 30 Marzo (sempre alle 21), stavolta giovedì 16 Marzo alle 21 al Clubino si riuniranno due giornalisti e un grande fotografo, tutti rigorosamente napoletani, che racconteranno la Napoli dei vicoli, dei misteri, dei siti culturali, della storia e delle storie più affascinanti. La Napoli che hanno raccontato e ‘fotografato’ già in tre libri di grande successo: “Trentaremi. Storie di Napoli magica” (Rogiosi Editore) di Vittorio del Tufo, “Misteri e segreti dei quartieri di Napoli” (Newton Compton Editori) di Marco Perillo e “Vicoli. Un viaggio napoletano” (Intra Moenia Editore) di Sergio Siano.

L’angolo del gusto biodinamico direttamente da Piazza Bellini

La serata, coordinata dal giornalista Roberto Conte, project manager de “La Memoria degli Elefanti”, il Festival della Letteratura nel segno del mito all’Anfiteatro Campano, avrà anche un suggestivo angolo del gusto dedicato curato da una delle grandi eccellenze enogastronomiche partenopee: “Amico Bio – Sorriso Integrale”, il primo ristorante biodinamico napoletano nato proprio nel centro storico di Napoli in Piazza Bellini ormai da oltre dieci anni e divenuto ora all’Anfiteatro Campano di Santa Maria Capua Vetere anche il primo ristorante biologico al mondo in un sito archeologico.

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.