Premio “Sanremo” alla Phonotype

Ferdinando Esposito, ultimo esponente della famiglia che ha creato l’azienda nel 1901 ha incontrato la stampa negli storici locali della “Phonotype” al centro storico di Napoli in occasione del premio Sanremo che gli sarà conferito il prossimo 9 gennaio.


La Phonotype Record è stata la prima casa discografica italiana e tra le prime al mondo ad avere un autonomo stabilimento per la fabbricazione di dischi, fondata nel 1901 da Raffaele Esposito e dal figlio, padre degli attuali soci, opera ancora oggi nel centro storico di Napoli.
L’azienda è sempre stata condotta da un Esposito, Fernando ha preso le redini dell’azienda dopo la scomparsa dei fratelli Roberto e Vincenzo.
Non essendoci eredi diretti l’amministratore ha concluso un accordo con una società formata da giovani che hanno presol’impegno di continuare l’attività mantenendo alto il prestigioso nome della Phonotype.
L’incontro è stato occasione per rivedere vecchi amici e parlare delle gesta discografiche trascorse, dal grande Totò, Gigi d’alessio e dei neo melodici che a detta di ferdinando “ non mi piacciono proprio”, una chiacchierata tra amici – Antonello Rondi, Consiglia Ricciardi , Mario Trevi e Mario Maglione- con il padrone di casa che dall’alto dei suoi novanta anni, ricorda aneddoti ed episodi per la felicità del pubblico composto da amici ed appassionati della casa discografica che ha fatto la storia musicale di Napoli.
Il catalogo si arricchisce giorno per giorno con nuove pubblicazioni, una produzione vastissima iniziata nel 1911 con, all’attivo cinquemila incisioni e più di cinquecento cd pubblicati, tutti i più grandi artisti dell’epoca incisero per la neonata Phonotype.
Nel riordinare il nostro vastissimo repertorio abbiamo soppresso tutte quelle pubblicazioni che non rispondevano più alle attuali esigenze tecniche e di mercato, abbiamo però rivisitato quelle incisioni antiche di celebri artisti che tanto successo ebbero in passato, sicuri di adempiere ad un’opera altamente culturale che certamente troverà il consenso di tutti i cultori ed amatori della nostra canzone.

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.