Premio Bettetini alla Cinegustologia

Proposto da Roberto Conte

La Cinegustologia, le imprese culturali e l’integrazione razziale attraverso lo sport sono i temi delle tesi vincitrici della prima edizione del Premio Bettetini, ideato dall’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli come riconoscimento annuale ai “Comunicatori eccellenti”.

 Il Premio è nato nel 2013 anche per ricordare la lunga docenza nei diversi corsi di comunicazione del Suor Orsola di Gianfranco Bettetini, grande maestro della televisione italiana, regista di storici programmi Rai da “Lascia o raddoppia” a “L’amico del giaguaro” e tra i massimi esperti internazionali di teorie e tecniche della comunicazione di massa (ha insegnato nelle principali Università italiane ed è stato visiting professor presso le Università di Cracovia, Città del Messico, Piura e Pamplona).

 Alla cerimonia di premiazione hanno preso parte Lucio d’Alessandro, Rettore dell’Università Suor Orsola Benincasa, Marcello Cesa Bianchi, fondatore dell’Istituto di Psicologia della Facoltà di Medicina dell’Università degli Studi di Milano e Laura Valente, direttore della Comunicazione del Teatro San Carlo di Napoli.

 Ad arricchire il parterre degli interventi la “presenza virtuale” di Marco Lombardi, l’inventore della Cinegustologia, in collegamento skype dal Festival Internazionale del Cinema di Sofia, che ha voluto celebrare la vittoria della prima tesi italiana in Cinegustologia.

Premiazione - Di Guida.Saulino. d'Alessandro. Amore. Sabatino.Bettetini Tre vincitori per la prima edizione

 La consegna dei premi (accompagnati da un assegno di 500 euro per ogni vincitore) è stata affidata ovviamente a Gianfranco Bettetini. Tre le categorie di premiati. Nella sezione Corso di Laurea triennale in Scienze della Comunicazione al primo posto Roberta Di Guida, autrice della prima tesi di laurea in Italia in Cinegustologia dedicata al tema “Un film come un pranzo: il reality di Garrone”. Nella sezione “Corso di Laurea magistrale in Imprenditoria e Creatività per Cinema, Teatro e Televisione”, primo premio per Paola Saulino autrice della tesi “L’impresa culturale tra corpo scenico e corpo imprenditoriale”. Due le vincitrici della sezione “Tesi Multimediale”: Giovanna Amore eCelesete Sabatino coautrici della tesi/docufilm: “United: campioni fuori dal ghetto”.

 La Cinegustologia diventa tesi di laurea

La Cinegustologia diventa tesi di laurea. La prima studentessa italiana a dedicare una tesi all’arte di descrivere cibi e vini attraverso le pellicole cinematografiche è Roberta di Guida, laureata in Scienze della comunicazione all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli.

“Un film come un pranzo” è il titolo della tesi, che ha un relatore d’eccezione come l’antropologo Marino Niola, ed il film oggetto dello studio è l’ultimo successo di Matteo Garrone: “Reality”. “Guardare questo film attraverso la lente d’ingrandimento della Cinegustologia – spiega Roberta di Guida – ha significato per me essere calata in un lungo pranzo, sostanzioso e colorato, perché in fondo un film è strutturato proprio come un pranzo: si apre con un benvenuto, seguito da un antipasto, per stimolare il nostro appetito, e poi da piatti corposi centrali (i primi e i secondi) e si chiude con il dessert”.

Il segreto ermeneutico della Cinegustologia, come evidenzia la di Guida, “sta nel farsi guidare dai cinque sensi, perché la Cinegustologia è un’arte che ti permette di estrapolare da un film profumi, consistenze e sapori”. Un’arte inventata in Italia da Marco Lombardi, ex manager di successo che ha scelto di dedicarsi a tempo pieno alla sua duplice passione per cinema ed enogastronomia, la cui fusione ha originato la Cinegustologia.Un’arte divenuta oggi anche oggetto di studi universitari con l’insegnamento di “Cinema ed Enogastronomia” che Lombardi tiene alla Scuola Holden di Alessandro Baricco e all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli, dove insegna anche al Master in Comunicazione Multimediale dell’Enogastronomia organizzato in partenariato con il Gambero Rosso e dove ha coordinato personalmente il lavoro di Roberta di Guida.

Il Premio Bettetini

La Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università Suor Orsola Benincasa ha istituito nel 2013 il Premio “Tesi di Laurea Gianfranco Bettetini”, con l’obiettivo di offrire un riconoscimento pubblico ai migliori lavori di tesi nell’ambito della comunicazione, svolti da laureati in Scienze della Comunicazione e da laureati in Imprenditoria e creatività per cinema, teatro e televisione.

Il premio viene concesso una volta per ogni anno accademico (uno per la triennale e uno per la magistrale). La giuria presieduta dal Prof. Bettetini conferisce i premi con riferimento alla qualità della ricerca svolta ovvero alle caratteristiche tecniche e di comunicazione del prodotto presentato.

Il premio comporta il conferimento, nel corso di una cerimonia pubblica alla presenza del maestro Bettetini, di una borsa di studio pari a 500 euro, nonché la comunicazione dello stesso sul sito di Ateneo e la dignità di pubblicazione della tesi presso la casa editrice dell’Università. E’da oggi online il bando della seconda edizione.

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.