PFAS. INCONTRO IN REGIONE

Sarà costituito un tavolo istituzionale di crisi per affrontare, con le organizzazioni sindacali e l’azienda, le problematiche che vedono al centro la Miteni di Trissino in conseguenza dell’inquinamento riscontrato per l’utilizzo nel ciclo produttivo di sostanze perfluoroalchiliche (Pfas).

E’ quanto è stato concordato nel corso di un incontro che si è svolto oggi a Palazzo Ferro Fini a Venezia tra le rappresentanze sindacali e gli assessori regionali al lavoro Elena Donazzan, alla sanità Luca Coletto e all’ambiente Gianpaolo Bottacin. E’ intervenuto anche il presidente del Consiglio regionale, Roberto Ciambetti, il quale ha ricordato di essere firmatario di una proposta di legge con cui fornire anche un quadro normativo agli interventi che la giunta regionale sta portando avanti in materia di Pfas.

L’incontro era stato richiesto per manifestare la forte preoccupazione dei lavoratori della Miteni sia in relazione alla mancanza di informazioni precise da parte dell’azienda circa gli investimenti e il piano industriale, sia per l’emergenza sanitaria e ambientale provocata dai Pfas e le conseguenze per la salute, la sicurezza, l’ambiente e l’occupazione. Oltre alla costituzione di un tavolo per la gestione coordinata della crisi, sono state presentate altre due richieste: l’inserimento dei lavoratori, i circa 120 attuali e anche gli ex, nel piano di sorveglianza sanitaria della Regione sulla popolazione esposta ai Pfas e l’esigenza di poter avere un’informazione precisa degli interventi realizzati e in programma per la messa in sicurezza ambientale e del territorio interessato.

Da parte sua l’assessore Coletto ha assicurato che i lavoratori, in qualità di cittadini dell’area esposta, potranno essere presi in carico nell’ambito dello screening sanitario in corso e per il quale la Regione non ha avuto finora contributi da parte dello Stato, nonostante le richieste. Ha inoltre ricordato che il monitoraggio attivato riguarda anche le produzioni agricole e zootecniche, a garanzia della salute pubblica.

L’assessore Bottacin ha ricordato che la Regione, attivatasi immediatamente, ha messo in sicurezza gli acquedotti con l’installazione di filtri, ma a fronte di un problema di così vaste proporzioni non può intervenire con le sue sole risorse: 100 milioni di euro sono necessari infatti per gli aspetti sanitari, 260 milioni per l’allacciamento ad altri reti idriche, 200 milioni per gli interventi in agricoltura. L’ARPAV ha già speso 5 milioni per i campionamenti, più le risorse per l’acquisto di apparecchiature specifiche. Il governo ha annunciato l’assegnazione di 80 milioni, non ancora però disponibili, che serviranno a realizzare il primo tratto del nuovo acquedotto, in grado di rendere superfluo l’uso dei filtri. All’ARPAV è stato dato incarico di monitorare anche tutta l’area della Miteni.

L’assessore Donazzan ha subito acconsentito alla richiesta di attivazione del tavolo, in quanto – ha detto – è la prassi usuale in questi casi. Ha assicurato che sentirà quanto prima l’azienda per verificarne la disponibilità e procedere poi alla convocazione.

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.