Passeggiate nel ‘700 napoletano, coinvolti 100 alunni

Taglio del nastro per le “Passeggiate nel ‘700 napoletano”, organizzato nell’ambito del Piano Triennale delle Arti del Miur, promosso dalla Regione Campania e inserito nel Maggio dei Monumenti del Comune di Napoli.

Taglio del nastro per le “Passeggiate nel ‘700 napoletano”, organizzato nell’ambito del Piano Triennale delle Arti del Miur, promosso dalla Regione Campania e inserito nel Maggio dei Monumenti del Comune di Napoli. Obiettivo del progetto mettere in rete gli istituti scolastici sui diversi temi della promozione delle risorse storico-culturali dei territori. Protagonisti a Napoli, dunque, l’Istituto Tecnico Economico “E. Caruso” (capofila) guidato dal preside Vittorio Delle Donne, l’alberghiero “A. E. Ferraioli” diretto dalla preside Rita Pagano, il liceo scientifico “R. Caccioppoli” con la Preside Roberta Tagliaferro e il Polo Tecnico “Fermi-Gadda”, preside Natale Bruzzaniti.

Due le manifestazioni conclusive del progetto coordinato dalla professoressa Immacolata Tallarino, docente di Arte e Territorio dell’ITE “Caruso”. La prima si terrà  il 25  maggio prossimo, dalle 10,00 alle 13,00, presso il monumentale “Cimitero delle 366 Fosse” di via Fontanelle al Trivio, commissionato nel 1762 da Ferdinando IV all’architetto Ferdinando Fuga, primo in Europa costruito fuori la cinta muraria di una città, che, a cura degli alunni degli istituti coinvolti, sarà aperto a visite guidate, all’esposizione di lavori di documentazione fotografica e virtuale del sito architettonico e alla degustazione di piatti tipici della cucina borbonica.

La seconda, prevista per il 1 giugno presso il Museo “G. Filangieri” dalle 11,00 alle 13,30 con ingresso gratuito ai primi cento visitatori accreditati presso gli istituti coinvolti, prevede, sempre a cura degli alunni, visite guidate ed un viaggio virtuale nel sito museale, la rappresentazione dal vivo di poesie e letture su Gaetano Filangieri, la proiezione di un docufilm e la degustazione del menù “A tavola con il Re” preparato dagli allievi delle classi IV e V dell’Istituto Ferraioli.

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.