On. Caccavale (FI): “Uso improprio della carcerazione preventiva”

on. Ernesto Caccavale
on. Ernesto Caccavale

“Diciamo con chiarezza che oggi c’è un uso abnorme ed improprio della carcerazione preventiva, cosa che vale per Nicola Cosentino come per tanti altri detenuti che risulteranno innocenti alla fine del loro calvario giudiziario. Peggio ancora se la carcerazione preventiva finisce per essere uno strumento per estorcere confessioni, come qualche autorevole professionista dell’Antimafia purtroppo auspica nei commenti di oggi”, così in una nota l’on. Ernesto Caccavale, Portavoce politico di Forza Italia in Campania.

Ricordiamo a noi stessi ed a tutti che è il processo l’unico luogo che può acclarare le eventuali responsabilità degli imputati, per Cosentino come per chiunque altro, e che purtroppo finora si conoscono solo le tesi accusatorie della Procura, ancora tutte da provare. 

Ha ragione quindi chi dice che, se la Giustizia diventa strumento politico, gli uomini politici che hanno coraggio reagiscono denunciando senza paura questo stato di cose. 

E noi che questo coraggio ce l’abbiamo da sempre, ci batteremo con tutte le nostre forze affinchè il processo a Cosentino come a qualunque altro imputato, sia celere, equo e non “politico” e ribadiamo l’assoluta urgenza perché tutti i liberali, i riformatori, i garantisti di ogni parte politica tornino a combattere insieme a noi le grandi battaglie a difesa delle Garanzie e del Diritto, prima che sia troppo tardi“.

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.