Olimpiadi 2026: Milano e l’Italia ritrovano il podio

Il presidente del Cio Thomas Bach rende nota la vittoria dell'Italia

Le Olimpiadi invernali del 2026 si svolgeranno in Italia. È ufficiale. L’annuncio è stato dato a Losanna dal presidente del Cio Thomas Bach dopo il voto dei membri del Comitato olimpico internazionale allo SwissTech Convention Center. Una nuova era sembra accompagnare quest’alba più azzurra. Una nuova energia carica di positività e voglia di fare invade il potenziale italiano. E gli stessi italiani, questa volta, sono decisamente più coscienti.

Le Olimpiadi invernali del 2026 si svolgeranno in Italia. È ufficiale. L’annuncio è stato dato a Losanna dal presidente del Cio Thomas Bach dopo il voto dei membri del Comitato olimpico internazionale allo SwissTech Convention Center. La candidatura italiana di Milano-Cortina è stata preferita a quella svedese di Stoccolma-Are, ricevendo 47 voti contro i 34 della Svezia. L’Italia tornerà quindi ad ospitare i Giochi invernali per la terza volta, vent’anni dopo Torino 2006 e 70 anni dopo l’edizione di Cortina 1956. Sulla vittoria di Milano-Cortina ‹‹ha pesato oltre l’80% di consenso popolare, a fronte del 55% della Svezia›› ha spiegato il presidente del Cio, Thomas Bach, affermando che è stato ‹‹un grande giorno per il movimento olimpico e gli sport invernali. Ha vinto un paese con grande esperienza, tradizione e passione. E’ la vittoria del sistema sportivo italiano, che ha sempre supportato il movimento olimpico con grande passione››.

La mappa ufficiale dei Giochi invernali vede un calendario fitto, fatto di appuntamenti irrinunciabili a cui la nazionale italiana sicuramente non mancherà: dal 6 al 22 febbraio 2026 le gare si distribuiranno tra Lombardia, Veneto e Trentino-Alto Adige e verranno impiegate dodici diverse sedi, di cui sette già esistenti, due temporanee e due che saranno oggetto di ristrutturazioni. A Milano, in Porta Romana, sarà installato il Villagio Olimpico principale mentre a Rogoredo il nuovo PalaItalia per il pattinaggio d figura e lo short track. Le sfide di hockey si svolgeranno tra il rinnovato PalaSharp di Lampugnano e un nuovo palazzetto a Santa Giulia mentre a San Siro è prevista la cerimonia di apertura. In Valtellina la pista Stelvio di Bormio sarà sede delle gare di sci alpino maschile, mentre le aree Mottolino, Sitas-Tagliede e Carosello 3000 a Livigno sono state scelte per le gare di snowboard e freestyle. Cortina ospiterà lo sci femminile sulla pista Olimpia delle Tofane, e quelle di bob, slittino e skeleton sulla storica pista olimpica Eugenio Monti. Lo Stadio Olimpico del ghiaccio costruito per le Olimpiadi di Cortina del 1956 verrà rinnovato per le gare di curling, anche Cortina avrà il suo Villaggio olimpico, nella frazione di Fiames e all’Arena di Verona la cerimonia di chiusura. Nelle valli trentine, a Baselga di Piné, Tesero e Predazzo, verranno organizzate nell’ordine le gare di pattinaggio di velocità, sci di fondo, salto con gli sci e combinata nordica. A Baselga di Piné l’Ice Rink, impianto principale in Italia del pattinaggio di velocità, verrà dotato di una copertura e di circa 5.000 posti a sedere, mentre Anterselva, sede dei Mondiali 2020, sarà la casa del biathlon.

Al momento della proclamazione dalla delegazione italiana, sotto il coro “Italia, Italia”, il presidente del Coni, Giovanni Malagò, nell’esultanza ha preso in braccio la coordinatrice del dossier Diana Bianchedi: ‹‹Sono molto emozionato, è un risultato molto importante non solo per me ma per l’intera nazione. Sono davvero orgoglioso di questa squadra che abbiamo creato tutti insieme senza differenze di colore politico. Mi ricandido alla presidenza del Coni: se avessimo perso sarebbe stato giusto che qualcuno mi sostituisse, ma abbiamo fatto un lavoro formidabile e questa vittoria la dedico al Comitato olimpico italiano››.

Giovanni Malagò, Diana Bianchedi, Luca Zaia e Beppe Sala festeggiano insieme al resto della delegazione italiana
Giovanni Malagò, Diana Bianchedi, Luca Zaia e Beppe Sala festeggiano insieme al resto della delegazione italiana

Il ministro svedese della cooperazione si è sportivamente complimentato con l’Italia, per poi aggiungere una battuta: ‹‹Vi abbiamo sconfitto ai mondiali nel calcio e voi in questa occasione qui, siamo 1-1››. Anche il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che in mattinata era intervenuto davanti ai membri del Cio, ha appreso della vittoria italiana appena arrivato all’aeroporto di Ginevra prima di decollare e si è abbracciato con la sua delegazione: ‹‹Siamo orgogliosi di questo grande Risultato! ha vinto l’Italia: un intero paese che ha lavorato unito e compatto con l’ambizione di realizzare e offrire al mondo un evento sportivo memorabile››. Emozionata ed unita al grande coro azzurro anche Sofia Goggia, oro olimpico in discesa libera: ‹‹‹E’ un sogno nel sogno. Questo è un motivo di grande festa per l’Italia››. Da campionessa ad un altro campione italiano: ‹‹E’ stata una lunga giornata ma con un risultato eccezionale. Abbiamo riportato in Italia un’Olimpiade dopo vent’anni›› ha detto Armin Zoeggeler, vincitore di sei medaglie individuali ai Giochi Olimpici Invernali, che ha continuato: ‹‹Ora chiedo a tutti di lavorare a partire da domani per far sì che questa sia un’Olimpiade grandiosa››. Anche il capo dello stato, Sergio Mattarella, saluta l’assegnazione con un applauso dal Piccolo Teatro Grassi di Milano dove si trovava al momento della proclamazione per la VII edizione del Premio Giorgio Ambrosoli, mentre il vicepremier e leader leghista, Matteo Salvini, esulta per l’aggiudicazione: ‹‹Grazie a chi ci ha creduto fin da subito›› dice, ‹‹e peccato per chi ha rinunciato. Ci saranno almeno cinque miliardi di valore aggiunto, 20mila posti di lavoro, oltre a tante strade ed impianti sportivi nuovi. Con le Olimpiadi invernali confermeremo al mondo le nostre eccellenze e le nostre capacità››. Chi cerca di “recuperare la situazione” dopo il no delle sindache grilline di Roma e Torino è il vicepremier 5S Luigi Di Maio, che cerca un difficile equilibrio politico tra la posizione del movimento e il successo dell’Italia: ‹‹Ha vinto lo sport›› afferma il capo politico 5S, ‹‹la sua purezza e l’entusiasmo di un intero Paese, lontano da ogni logica di potere, lontano da ogni interesse. L’Italia saprà dare il meglio di sé e saprà vincere come fa ogni volta che gioca da squadra››. Sulla stessa scia del suo leader politico la sindaca di Roma, Virginia Raggi, si complimenta con Milano e Cortina per l’assegnazione delle Olimpiadi invernali 2026, ribadendo comunque l’impossibilità della città di potersi candidare e farsi carico dell’organizzazione di un evento di simile portata: ‹‹I miei complimenti sia a Milano sia a Cortina, ed in tema di coerenza ribadisco che le due condizioni sono assolutamente diverse››, spiega la prima cittadina della capitale. ‹‹Roma non poteva e non può ancora permettersi un evento del genere, avendo 13 miliardi di debito››.

Una nuova era sembra accompagnare quest’alba più azzurra. Una nuova energia carica di positività e voglia di fare invade il potenziale italiano. E gli stessi italiani, questa volta, sono decisamente più coscienti.

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.