Norvegia: Annunciato potenziamento delle Forze Armate

Sulla base del Long Term Plan for the Norwegian Armed Forces for the Years 2017-2020, presentato al Parlamento qualche settimana fa, vi sarà un graduale incremento del budget per la Difesa che permetterà di raggiungere nel 2020 un aumento di 767 milioni di Euro in più rispetto allo stanziamento di quest’anno, nell’ambito di un programma ventennale che prevede investimenti aggiuntivi per 17,7 miliardi di Euro.

In particolare, nel prossimo quadriennio si prevede di acquistare 52 caccia multiruolo F-35 Lightning II, quattro nuovi sommergibili che andranno a rimpiazzare le unità della classe Ula operative da quasi 30 anni ed un numero imprecisato di aerei da pattugliamento marittimo che sostituiranno i P-3C Orion attualmente in servizio. Si prevede inoltre di potenziare la rete di difesa aerea a medio raggio basata sul NASAMS II (Norwegian Advanced Surface-to-Air Missile System) e di acquisire nuovi sensori e sistemi missilistici a lungo raggio.

Come indicato dal ministro della Difesa Ine Eriksen Soreide, il programma risponde all’esigenza di far fronte ad una politica estera e militare russa sempre più attiva nel Nord Europa e nella regione artica. In particolare, la decisione di acquistare nuovi sottomarini e velivoli per la ricognizione navale sottolinea quanto sia percepita la minaccia proveniente dalle unità della Marina Russa, alla luce soprattutto della ripresa dei pattugliamenti strategici da parte dei sommergibili classe Delta IV e Borei schierati nella penisola di Kola.