NATURÆ torna a Montebelluna

Ancora una volta la raffinata rassegna NATURÆ sarà occasione per parlare di “terre alte” proponendo piccoli preziosi film. Tre i film in programma a Montebelluna, tre le prime italiane.

THERE’S TOO MANY OF THESE CROWS, è un film USA di Morgan Miller, un talento eclettico che qui si cimenta in un film di animazione.

E’ la storia ricorda il celebre film gli Uccelli di Hitchcock: parla di un cacciatore che abbatte due corvi, scatenando un’inaspettata escalation di violenza che vedrà come protagonisti proprio gli apparentemente innocui volatili.

Seguirà l’anteprima italiana di THE WET DESERT, corto di Max Smith. L’ecologista Frank Fraser Darling con questa espressione, “il deserto bagnato”, descriveva il paesaggio di Dartmoor in UK: un paesaggio così immobile che non si alzava nemmeno la polvere, tale era l’assenza di biodiversità. Ma nei luoghi nascosti della brughiera si nasconde il passato di quella terra, in cui, prima dell’arrivo degli uomini, c’erano animali e foreste.

Altra anteprima italiana il film canadese MY IRNIK, di Matthew Hood & François Lebeau.

Siamo nel Canada Artico, dove vive una comunità isolata di cui un padre e un figlio si innamorano. My Irnik è un breve documentario che parla del rapporto tra padre e figlio, e la passione di vivere insieme un’avventura.

Infine, ultima proiezione e ancora un’anteprima per l’Italia: un film svizzero di 52 minuti con la regia di Aurélie Mertenat dal titolo PIETRA TENERA.

Siamo in Valchiavenna, sulle montagne del Nord Italia. Una famiglia fabbrica oggetti artigianali in pietra ollare secondo una tradizione secolare. In questo mondo in cui il tempo si sembra fermato, Ati, figlio adottivo di 17 anni nato in Thailandia, cerca il proprio posto. I temi sono fondamentalmente la tradizione e l’integrazione.

E finite le proiezioni, salirà sul palco come ospite Cinzia Zonta, presidente della associazione “Adotta un terrazzamento” che opera in Valstagna.

Anche questa 2a edizione di NATURÆ, che nasce con il fondamentale supporto di molti amici e importanti partner istituzionali, vuole essere un’occasione speciale per riflettere sul tema del rapporto fra uomo e natura, prendendone in esame diversi aspetti. Dall’emozione avventurosa, al valore della conoscenza e della salvaguardia ambientale. Aspetti diversi ma riconducibili tutti ad un comune denominatore, di grande importanza nel nostro tempo: il senso della rigenerazione che la natura da sempre offre all’uomo.

NATURÆ18 si presenta con una rassegna di oltre 25 film (anche prime nazionali ed europee), corto e medio-metraggi, selezionati tra le migliori produzioni nazionali e internazionali, spesso sono lavori di giovani registi o di case di produzione indipendenti che difficilmente raggiungeranno le grandi sale italiane.

I temi sono sempre quelli cari ad AKU. Vivere sulle terre alte non è come in un romanzo da classifiche metropolitane. E sempre accade che l’avventura più esaltante sta nel portare a termine la propria sfida personale, solitaria, irripetibile: una salita impegnativa sulla montagna più ripida del mondo, quanto una giornata di lavoro accanto ai propri animali. Perché la vita e l’avventura sono la stessa cosa, soprattutto quando attorno a te domina la natura.

In programma non ci solo film, ma anche incontri con ospiti con cui dialogare, due mostre e tante storie da condividere. In totale 8 appuntamenti in 4 città (Feltre, Montebelluna, Pieve di Soligo e Valdobbiadene), dalle Dolomiti bellunesi alle Prealpi trevigiane, dal 20 gennaio al 10 febbraio 2018.

L’evento è ideato e organizzato da AKU trekking&outdoor footwear in collaborazione con il Brescia Winter Film.

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.