NAPOLI INTITOLA LE SCALE DI “SCUSATE IL RITARDO” A MASSIMO TROISI

Missione compiuta. Finalmente, a 20 anni dalla scomparsa, un pezzo di Napoli porterà per sempre il nome dell’indimenticabile Massimo Troisi.

Dopo aver lanciato l’idea di intitolare al grande regista ed attore le scale e la piazza Roffredo Beneventano a Napoli, dove furono girate le celebri scene del film “Scusate il ritardo” in cui recitava con Lello Arena, l’Associazione “NapoliEvviva”  si è fatta promotrice di una raccolta firme, consegnando alla Commissione toponomastica del Comune di Napoli 1.500 firme di cittadini a sostegno dell’iniziativa lo scorso 17 febbraio.

A tempo di record è arrivato oggi, martedì 10 marzo, il parere positivo della Commissione all’intitolazione delle scale di piazza Beneventano a Massimo Troisi.

“Abbiamo appreso con grande soddisfazione e gioia la notizia che l’amministrazione comunale di Napoli ha deciso di  intitolare a Massimo Troisi le famose scale del film “Scusate il ritardo” – ha dichiarato Laura Cozzolino, Presidente dell’Associazione NapoliEvviva – Ringraziamo i tanti cittadini che hanno sostenuto questa iniziativa e soprattutto l’Associazione “Uècap – Risveglio cittadino”, che grazie ai suoi tanti volontari è stata di grande supporto per la raccolta delle firme e per il raggiungimento di questo primo obiettivo. Non ci fermeremo, infatti, al semplice e doveroso omaggio – ha proseguito Laura Cozzolino –  L’idea dal primo momento è stata quella di rendere quella piazza uno spazio accogliente, strappandolo all’anonimato in cui versa oggi, abbellendo i giardinetti e i muri circostanti con murales, sull’esempio di quanto è stato fatto a Salerno per il poeta Alfonso Gatto sulle scale che ora portano il suo nome. Ci proponiamo, inoltre, di fare rete con altre associazioni e di collaborare con l’amministrazione comunale per rendere quel luogo vivo in memoria di Massimo, organizzando iniziative, mostre, spettacoli, per dare voce e spazio anche ai tanti giovani artisti napoletani. In particolare chiederemo un supporto all’ “Associazione “UèCap”, che dal primo momento ha sposato questa iniziativa, e all’Associazione “A casa di Massimo Troisi”, presieduta dal fratello, Luigi Troisi, che pochi giorni fa ha inaugurato uno spazio a San Giorgio a Cremano.  Insomma, vorremo coinvolgere tutti coloro che vogliono mantenere vivo il ricordo di Massimo in nome dell’arte, della cultura e dell’amore per la nostra città”.

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.