Turismo

NAPOLI: ADOTTA ANCHE TU LA FACCIATA DELLA GALLERIA UMBERTO I


Con lo slogan “I Giganti di pietra della Galleria Umberto I. Diventa protagonista della loro rinascita” sarà presentata presso la sede dell’Unione Industriali di Napoli,  la  campagna per un’adozione molto particolare: la facciata principale della Galleria Umberto I di Napoli, quella che insiste lungo la strada San Carlo, dove svetta il teatro più antico d’Europa.

I residenti di uno dei quattro fabbricati condominiali in cui è divisa la Galleria Umberto, bell’esempio di architettura del Novecento, nata nell’ambito dei grandi interventi di rinnovamento urbano del Risanamento, dovendo mettere in sicurezza l’area, hanno pensato di restaurare anche la facciata principale, con i suoi preziosi stucchi e le nove statue in marmo.

E di lanciare un messaggio propositivo alla città, alle forze imprenditoriali, ai cittadini, ma anche agli italiani all’estero: “Uniamo le forze e restauriamo questa facciata spettacolare, un’esedra retta da colonne di travertino, dove, tra le altre, si ergono quattro grandi statue allegoriche: inverno, primavera, estate e autunno. Un’opera di inestimabile valore, da restaurare e restituire alla vista dei visitatori e dei cittadini.” ha annunciato Raffaele Archivolti, della società Graphite, uno studio partenopeo di progettazione architettonica e design, specializzato in restauri.

Il  restauro, per i promotori, ha un doppio significato: mettere in risalto le opere d’arte e ridare alla città l’entusiasmo del fare. Un entusiasmo che ha già coinvolto diverse associazioni che hanno concesso il patrocinio morale e saranno presenti con i loro rappresentanti regionali alla conferenza, come: il Fai, con Maria Rosaria de Divitiis;  l’Associazione Dimore Storiche d’Italia, con Marina Colonna Amalfitano;  Assorestauro, l’Associazione Italiana per il Restauro Architettonico, Artistico, Urbano, che sarà presente con alcuni associati nazionali.

 


Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.