Italia Nord Est

NAPOLETANI DIVISI TRA SENSO CIVICO E SENSO CINICO DIBATTITO CON LUCA TELESE


Qual è il senso della responsabilità dei napoletani, di fronte alle piccole e grandi problematicità di tutti i giorni? Se lo chiede la comunità di Città di Partenope, ormai  ottomila cittadini che dal 2008 ad oggi collaborano attivamente per promuovere nel mondo l’immagine positiva della città.

La discrasia tra senso civico e senso cinico e quindi il senso della responsabilità civile saranno infatti il tema portante del dibattito promosso domani sera a partire dalle 19.30 all’Agorà Morelli con gli interventi, tra gli altri, di opinion leader ed istituzioni come Maurizio De Giovanni, Flavio Tosi, Giuliano Pisapia, Annamaria Chiariello, Luca Abete, Antonio Polito e tanti altri previsti al talk – show organizzato dal pubblicitario Claudio Agrelli, ideatore dell’iniziativa, e condotto dal provocatorio Luca Telese:  giornalista, scrittore, conduttore ed autore di successo.

La Napoli virtuosa, troppo spesso oscurata da fatti di cronaca che ne mortificano l’identità, sarà quindi ancora una volta la vera protagonista del Premio Città di Partenope, l’happening in cui tutti la cittadinanza attiva si ritrova per applaudire i buoni esempi e discutere su innovative e possibili soluzioni per migliorare la vivibilità e l’immagine percepita della città.

Tanti Partenopei dunque, ancora una volta, uniti dalla comune passione per Napoli e per la sua vitalità, per le sue buone prassi da ricordare e per il senso civico da promuovere a sostegno dell’immagine della città. Già da alcuni anni del resto Agrelli ha raccolto quasi ottomila “cittadini” , l’equivalente di una città di medie dimensioni, che partecipano attivamente alla campagna permanente sul senso civico e la legalità per migliorare l’immagine di Napoli, come nel caso del video “Vivere a Napoli” diventato uno dei successi virali più acclamati dalla rete o del libro fotografico “Partenope” o di attività come le affissioni e gli eventi in Italia e all’estero.
“E’ un’occasione per manifestare le nostre istanze”, ha spiegato Claudio Agrelli, che organizza l’evento con la sua agenzia Agrelli&Basta, “per sollecitare l’opinione pubblica, mettere in evidenza le esperienze che funzionano e da poter replicare. Noi cittadini in molti casi non abbiamo il potere di cambiare le cose, ma fare la nostra parte è importante. Anzi, è un dovere”.

Durante la serata verrà assegnato il “Premio Città di Partenope 2014” per due amministrazioni di autrici di provvedimenti apprezzati e replicabili a Napoli nonché un noto giornalista d’inchiesta e infine all’autore della fotografia più votata nel concorso “Napoli come mi piace”.


Rispondi