LA NUOVA STAGIONE DEL TEATRO BELLINI

Il teatro Bellini di Napoli ha presentato la prossima stagione: un  lavoro di composizione articolato e complesso, pensato in continuità con quello svolto negli ultimi anni con risultati eccellenti sia sul territorio che di pubblico. Nel corso della conferenza stampa sono stati annunciati nomi  la straordinaria Carmen diretta da Mario Martone; La parola canta, ritratto di Napoli in versi e musica pensato da Toni e Peppe Servillo in scena con i Solis String Quartet. E ancora la nuova drammaturgia europea, con Luca Zingaretti che dirige e interpreta The Pride, del drammaturgo inglese A. K. Campbell e Gospodin, il testo del giovane tedesco Philipp Löhle, realizzato e diretto da Giorgio Barberio Corsetti e interpretato da Claudio Santamaria. Teatro, danza, musica e pittura si uniscono nello spettacolo evento: La Verità di Daniele Finzi Pasca, dove 13 artisti saranno riuniti intorno a un gigantesco fondale originale dipinto da Salvador Dalí. Spazio anche alla scrittura scenica di Punta Corsara, Emma Dante, Antonio Latella, accanto alla grande prosa di Franco Branciaroli, Pamela Villoresi e Arturo Cirillo, insieme ai progetti a metà tra teatro e musica come La musica provata di Erri De Luca e quelli in cui l’arte sposa il sociale, come il Ferite a morte di Serena Dandini con Lella Costa.

Particolare attenzione è rivolta alla muscia con alcuni concerti, il primo dei quali è Passion live, idea di John Turturro, con James Senese Napoli Centrale, Raiz & Almamegretta, Pietra Montecorvino, Gennaro Cosmo Parlato, M’Barka Ben Taleb, Spakkaneapolis 55. 

Al Piccolo Bellini, vedrà in scena Novantadue di Claudio Fava e Week end di Ruccello con Margherita Di Rauso, solo per citarne alcuni. Tornerà, inoltre, il focus  sulla danza contemporanea; un progetto di ampio respiro, il cui segno distintivo è la varietà, fortemente rappresentata dalle produzioni presenti nella stagione del Bellini e in quelle di numerosi teatri italiani. Solo per citarne alcuni: Qualcuno volò sul nido del cuculo, Arancia Meccanica, Some Girl(s), Dignità autonome di prostituzione ed Euridice e Orfeo.

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.