Ingiurie contro Luxuria in abito da sposa

A Giugliano si è svolto un evento fieristico (denominato “E’ Sposa”) concentrato sui matrimoni e la presenza di Luxuria in passerella ha scatenato le ire della destra che tramite Antonio Arzillo esponente della Destra che ha sparato a zero contro l’evento e i gay: ” bisogna rendersi conto che i veri anticonformisti sono coloro che credono alla famiglia tradizionale, che la considerano ancora al centro della società italiana, mentre il resto a partire dall’omosessualità è moda che indebolisce sempre più la società europea, poi ci meravigliamo che giovani si convertono all’Islam.” Continua il dirigente “la presenza di Luxuria, che da noi va in passerella, invitata come una star, mentre nella Russia di Putin viene allontanata immediatamente, ci fa capire lo stato comatoso del nostro Paese. Invieremo a tutti gli espositori di questa manifestazione una nostra lettera spiegando i motivi per non aderire e non finanziare mai più questi eventi prendendo in considerazione anche eventuali boicottaggi verso le aziende stesse da parte del nostro movimento politico”.
Poco dopo l’intervento dell’esponente dell’ultra destra a Giugliano sono apparse scritte ingiuriose contro gli omosessuali con tanto di svastica a fianco.
“Oramai una certa destra a nostro avviso becera e arretrata che in Salvini il massimo campione grida allo scandalo sempre e comunque – accusano Francesco Emilio Borrelli dei Verdi e Gianni Simioli della radiazza – creando polveroni sul nulla e creando pericolosissime cacce alle streghe. Grazie all’intolleranza e omofobia adesso a Giugliano ci sono diversi cartelloni che insultano i gay con tanto di simboli nazisti a fianco. Segno che l’intolleranza si somma sempre alla violenza e alle persecuzioni. Fanno venire i brividi le esaltazioni che questi campioni dell’intolleranza fanno del regime russo di Putin. Patetica è poi l’accusa con cui si vuole far credere che l’accettazione da parte degli italiani del mondo gay di fatto apra le porte alle conversioni religiose verso l’Islam e quindi al terrorismo mondiale”.
 È Sposa aveva scelto quest anno una campagna a favore dell’ amore universale aprendosi anche ai matrimoni omosessualiSui manifesti pubblicitari della kermesse erano infatti comparse tre coppie di sposi di cui una etero e due omosessuali.
“Abbiamo deciso quest’anno di comunicare l’amore di coppia anche quello omosessuale perché riteniamo che amare sia un diritto di tutti. ” ha dichiarato il direttore artistico Diego di Flora -L’attacco omofobo nei confronti della manifestazione e’ un’offesa ai diritti umani e civili.”

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.