Il World Press Photo 2019 sbarca a Napoli

Si è svolta al Museo Archeologico Nazionale di Napoli la conferenza stampa di presentazione del concorso World Press Photo, la mostra di foto giornalismo più prestigiosa al mondo che sarà in programma sino all'11 novembre prossimo.

Si è svolta al Museo Archeologico Nazionale di Napoli la conferenza stampa di presentazione del concorso World Press Photo, la mostra di foto giornalismo più prestigiosa al mondo che sarà in programma sino all’11 novembre prossimo.
Sono intervenuti Babette Warendorf (curatrice dell’esposizione) e Vito Cramarossa (Presidente di CIME) che hanno raccontato quanto sia importante e significativa la scelta del Mann come sede della manifestazione in quanto simbolica della sensibilità contemporanea che si fonde con i capolavori dell’arte custoditi nel Museo.
L’incontro tra il concorso e il museo, ci spiega la curatrice della mostra, vuole essere un confronto tra i capolavori classici e le sfide, le violenze, le migrazioni ma anche la bellezza e la solidarietà che i fotografi rappresentano con i loro scatti.
Tra i 144 scatti finalisti, di cui otto categorie, e le migliaia di scatti mandati alla giuria, è presente la nuova sezione “Story of the year” dedicata ad un fotografo che si è particolarmente distinto con la sua storia (una serie di scatti, di solito cinque con un unico filo conduttore ) su una questione di rilevanza giornalistica del 2018.
All’ingresso del Mann è anche esposto lo scatto vincitore del World Press Photo of the Year 2019: Crying girl on the border ( una bambina honduregna in un pianto disperato mentre la madre viene perquisita dalla polizia di frontiera americana al confine col Messico).
Tre gli italiani in mostra, Marco Gualazzoni , primo premio sezione Environment con il reportage “la crisi del lago Ciad”, Lorenzo Tugnoli, primo premio per la sezione General New Stories e lo scatto di Daniele Volpe con “Still life volcano” secondo premio categoria Singole.

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.