“Il sindaco di Rione Sanità” torna a casa

"Il sindaco di Rione Sanità" torna a casa

All’interno della chiesa di S. Maria della sanità si è tenuta una proiezione unica nel suo genere, una rivisitazione di un classico della commedia napoletana del grande De Filippo.
Una chiesa trasformata in un cinema per una sera, con un mega schermo che regala un film potente “Il sindaco del Rione Sanitá” e un incontro molto particolare tra il parroco, il regista e l’attore Francesco Di Leva “Ciao caro Mario, io sono il parrocchiano del rione e questa è la nostra casa”, con i giovani della cooperativa La Paranza.
Tra la prima e la seconda proiezione con un pubblico entusiasta, Martone sale sul palco con Luca Rosini della Rai, “Mi ha dato un’emozione grande vedere il questo film proiettato in un luogo così simbolico”.
Qui alla Sanitá sta succedendo qualcosa che é molto importante, non solo per questo territorio, per Napoli, ma per tutti noi in un tempo così difficile che ci fa sentire disorientati”.
E mentre la navata centrale trasformata in galleria silenziosa assiste alle evoluzioni di Barracano – il carismatico ‘giudice’ del male e del bene- di eduardiana memoria che Martone e Di Leva hanno trasformato in un giovane e affilato boss, il regista gira in punta di piedi la Basilica e le Catacombe.
“Preparatevi ha detto il parroco ai suoi fedeli, magari diranno che non sta bene trasformare una chiesa in un cinema, ma la Sanitá un cinema non lo ha più da tanti anni e poi la Chiesa delle origini era questo: luogo d’incontro, comunione tra fratelli”.
Il Rione Sanità è da sempre, purtroppo, uno dei quartieri con il più alto tasso di emarginazione e degrado della città ma anche quello, a proposito delle contraddizioni cittadine, con il più straordinario patrimonio storico-artistico, tra palazzi monumentali, chiese barocche e i favolosi complessi delle Catacombe di San Gennaro e San Gaudioso.
Oggi finalmente, anche grazie all’arte, il rione sta rinascendo e contribuiscono anche le botteghe, i negozi e i maestri artigiani del territorio.

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.