I GIORNI ROMANI DI PAESTUM

Questa nuova edizione, il 23 e 24 luglio, è arricchita da nuovi episodi e figure della vita romana: il laboratorio per affreschi e mosaici, curato dall’esperta Iolanda Dente; la bottega del panettiere e il thermopolium, dove venivano servite pietanze calde da consumare al banco.

Nell’intera area “romana” del sito archeologico, dall’Anfiteatro al Tempio della Pace, dal Foro alle botteghe artigiane sarà possibile incontrare, per la prima volta la famiglia imperiale e poi matrone, senatori, patrizi, plebei, commercianti e gladiatori.

Nell’area delle botteghe si potrà scoprire la tavola dei romani, gustare le ricette romane ricostruite dall’archeo-cuoca Cristina Conte. Si potranno assaggiare il famoso libum di Catone, la torta cartaginese, un pezzetto di pane con sopra il celeberrimo garum oppure bere un bicchierino dimulsum, il vino speziato romano.

Presso la taberna del medico greco EUTYCHES, si potrà ammirare la più vasta collezione al mondo di strumenti chirurgici romani ricostruiti.

E poi si potrà scoprire come venivano realizzate le monete, quali erano le essenze, gli oli profumati, le polveri che utilizzavano le ricche matrone per truccarsi; provare a usare un telaio, a tessere una trama, presso la bottega del tessitore con dei telai ricostruiti e perfettamente funzionanti.

Nel Tempio della Pace il sacerdos ricostruirà un rito in base ad alcune fonti antiche e presso l’area del Comizio, il nobile di Paestum Quinto Arrio Serio terrà un discorso elettorale chiedendo di essere votato come questore, offrendo in cambio, in serata nell’anfiteatro, lo spettacolo dei combattimenti di gladiatori.

I personaggi storici che si incontrano lungo il percorso forniranno informazioni storiche e tecniche in italiano e in inglese.