Frank Crudele volto nuovo di Velvet

Frank Crudele è Enzo Cafiero, il nuovo proprietario di Velvet nell’omonima fortunata serie di Rai 1. E sarà il padre del personaggio interpretato da Francesco Testi.

Sei felice per il seguito della serie in Italia?

Sono molto felice che la serie stia avendo successo anche in Italia; a dir il vero ho lavorato molto in Italia, poi sono ritornato a vivere in Canada da Dicembre 2014 e ho vissuto in Spagna dal 2009 al 2014. A dire il vero ero all’oscuro del fatto che Velvet fosse trasmessa in Italia e che stesse avendo così tanto successo.

Sei mai stato in Italia?

Io sono nato a Triggiano, in provincia di Bari. Ho trascorso lì gran parte della mia infanzia, sino al giorno in cui mio padre decise di emigrare in Canada (prima Montreal, 2 anni dopo a Toronto). Ricordo che avevo 10 anni. Nel 2001, quando i miei 3 figli erano piccoli e persi la mia ex moglie per un tumore, ebbi la possibilità di realizzare un mio grande sogno: lavorare come attore anche in Italia! Ecco che ci trasferimmo per tre anni a Roma per poi tornare a vivere a Toronto, sebbene avessi molti lavori nella tv italiana, come la serie per Rai 1, “Gente di Mare”.

Cosa ti piace del nostro Paese?

Sebbene mi dispiaccia tanto vedere lo spreco e le poche opportunità date ai talenti italiani, il livello di corruzione, la mancanza di meritocrazia, e le cadenti infrastrutture, sono molto affezionato all´Italia e sono fiducioso sul fatto che come sempre si riprenderà.  La prima cosa che faccio ogni mattina è leggere La Repubblica e La Gazzetta dello Sport; sono Juventino però ma simpatizzo anche per il Real Madrid.

Cosa pensi del tuo personaggio?

Il mio personaggio, data l´epoca in cui è collocato (1059) è secondo me “un affascinante bon vivant”, alla maniera di un magnate nell´industria della moda; diciamo, a metà strada tra Onassis e Gianni Agnelli.

Pensi di rassomigliare ai tuoi personaggi o no?

Sì, direi che questo personaggio mi assomiglia un pò troppo, specialmente per lo “charme” (ereditato da mio padre); ad esser sincero io ho trovo sempre più semplice interpretare personaggi che sono lontani dalla mia personalità.

Come sei stato scelto per questa serie?

Mi hanno offerto questa serie tramite il mio rappresentante di Madrid –cercavano un attore italiano della mia età che potesse vestire un abito da uomo con eleganza. Non a caso, mi hanno chiesto di inviar loro qualche foto.

Sei riuscito a legare con i tuoi colleghi, anche al di fuori del set?

Ho legato facilmente con tutti i miei colleghi spagnoli; devo dire, loro sono stati molto generosi nell’ accettarmi ed è stata una fortuna, visto che i tempi di registrazione nelle serie tv sono più veloci rispetto a quelli del cinema. Però, devo dire che appena finivo di lavorare a Madrid, andavo direttamente in treno dalla mia ragazza Virginia Perez a Valladolid.

 

Quando hai deciso di diventar attore?

Ero abbastanza grande, avevo 27 anni, ma forse è stato meglio così anche per una questione di compatibilità coi personaggi che interpretiamo.

Un sogno professionale che vuoi realizzare?

Ritornare al teatro con tappe della tournee in Sud America.

Quali sono i tuoi prossimi progetti, aldilà delle serie TV?

Probabilmente far teatro in Canada.

Come sei stato accolto sul set di “Velvet”?

Sono stai tutti molto gentili e graziosi con me e questo ha facilitato il mio ingresso con i ritmi di un personaggio protagonista.

Enzo Cafiero ti somiglia in qualche modo?

Sì, è forse anche un po’ troppo per il piacere di godere la vita e rischiare.

A quali fiction italiane di quelle girate da te sei più legato e affezionato e perché?

”Gente di Mare” per i 3 anni nella bellissima location di Tropea, “Medico in Famiglia” perché  dopo 12 anni mi fermano ancora per la strada per il personaggio di “Peppiniello” *(amante del personaggio di Lunetta Savino). Non nascondo che nutro comunque un affetto speciale per la miniserie “Come L’America” che girai in Canada prima di venire in Italia.