Ecco i 10 lavori sostituiti dai robot nei prossimi dieci anni

Assistenza clienti e centralini, postini, boscaioli, cassieri, autisti, ragionieri, cuochi e camerieri, contadini e persino chirurghi, sono i lavori tradizionali che progressivamente vedremo sostituiti da qualche forma di automazione nei prossimi 10 anni. Una trasformazione digitale che cancellerà intere professioni creando nel contempo nuove figure professionali. Altri lavori a rischio estinzione sono il giornalista, l’intermediario assicurativo, il rappresentante di banca, l’analista finanziario, l’operaio edile, lo stoccatore di merci al supermarket e il barman.

Ecco una decina di lavori che nei prossimi 10 anni sono destinati alle macchine: 

Assistenza clienti e operatore di telemarketing

Chat bot automatiche e sistemi vocali come Alexa (Amazon) e Siri (Apple) sono già in grado di rispondere a domande e quesiti basilari che arrivano dagli utenti. Nei prossimi anni, la tecnologia sarà più sofisticata e capace di assistere anche telefonicamente i clienti. Con l’ausilio di algoritmi e dati disponibili online, non sarà difficile per i bot tentare di venderci merci e prodotti al telefono, trasformando profondamente il mercato del telemarketing come lo conosciamo oggi.  

Postino e impiegato alle Poste

L’uso sempre più massiccio della posta elettronica, della fatturazione online e delle consegne di merce tramite droni sta già abbattendo in larga misura il bisogno della consegna quotidiana della posta. Il postino inteso come colui che consegna le lettere porta a porta è un lavoro che sta piano piano scomparendo, insieme ad una serie di mansioni connesse fra cui lo smistamento della posta, l’autista dei furgoni postali ecc.

Boscaiolo taglialegna

Nei prossimi dieci anni negli Usa spariranno gradualmente i boscaioli, sostituiti da macchine speciali disegnate per abbattere gli alberi. Già sono pochi i boscaioli in circolazione, ma ben presto saranno un ricordo, sostituiti da macchine che si occuperanno di tagliare, segare, caricare e gestire i carichi di legno.

Cassiere

Ristoranti, fast food, fruttivendoli, bar. Ben preso alla cassa ci sarà una macchina al posto della cassiera, una macchina in grado di raccogliere i soldi, darti il resto e magari farti usare il bancomat. Già succede al Mc Donald’s, dove l’ordine e il pagamento (cashless) si possono fare tramite totem con tanto di video integrato per accorciare i tempi di ordinazione e pagamento. Per la verità, il successo di questo genere di automazione dipenderà molto dalla nostra volontà, in quanto consumatori, di svolgere una serie di operazioni di pagamento in ottica di check out automatico. Sono molti coloro che ancora preferiscono pagare alla cassa ad una persona in carne ed ossa.

 Autista

Con il tanto atteso arrivo delle auto senza conducente, quello dell’autista è un mestiere che sembra predestinato all’estinzione (come il tassista e l’Ncc). Lo stesso vale per gli autisti di bus e di camion. Il programma di guida autonoma di Google, si chiama Waymo, ha già messo in cascina migliaia di chilometri di guida simulata. I veicoli senza conducenti sono in fase sperimentale ormai da anni, non manca molto perché sbarchino sul serio in strada facendo del vecchio autista l’eccezione e non più la regola.

Contabile e ragioniere

Esistono già diversi software e app disegnati per compilare la dichiarazione dei redditi in autonomia. In futuro questo trend è destinato a rafforzarsi, diminuendo così la necessità di rivolgersi ad un contabile per diverse mansioni che potrai sbrigare da solo.

Chirurgo

La meidcina chirurgica sembrava immune dall’onda lunga dell’automazione perché richiede un grado elevatissimo di precisione. Tuttavia, i robot chirurgici stanno già mettendo piede in sala operatoria e ben presto diventeranno una componente essenziale del lavoro. Secondo Science Alert, i robot programmati per ricucire i tessuti molli dei pazienti sotto i ferri hanno già mostrato una precisione superiore a quella umana. In altri settori, piccoli robot sono già utilizzati su ampia scala per correggere difetti alla vista o ad esempio per operazioni di ricostruzione del ginocchio.

Cuochi, chef e camerieri

Una cucina interamente robotizzata non è un sogno lontano, anzi. Molti dei lavori legati alla ristorazione potrebbero ben presto essere svolti da robot muniti di mani, sensori e giunture per la preparazione del menu. Il tutto anche in questo caso dipenderà dal grado di accettazione dei clienti.

Operai in fabbrica

Se ti serve una prova provata del trend in fabbrica, basta guardare alla Foxconn, fornitore di Samsung e Apple, che l’anno scorso ha sostituito la bellezza di 60mila lavoratori con dei robot. In realtà i robot prendono il posto degli uomini in fabbrica da anni. E nei prossimi 10 anni il trend è segnato.

Agricoltore e contadino

E’ difficile immaginare un mondo senza agricoltori e contadini, ma l’intero mercato potrebbe finire in mani robotiche nei prossimi 10-20 anni. In Giappone ci sono già arrivati, con la Spread and Vegetable Factory pronta ad aprire a breve. Si tratta di una fabbrica di produzione e lavorazione di lattuga, migliaia di teste di lattuga al giorno, dove i robot si occuperanno di tutto, dalla semina alla raccolta. Più lento sarà il dominio delle macchine nei paesi più poveri, dove il ricorso alla mano d’opera umana è più diffuso e meno caro.

Altri lavori assolutamente a rischio estinzione a breve sono il giornalista, l’intermediario assicurativo, il rappresentante di banca, l’analista finanziario, l’operaio edile, lo stoccatore di merci al supermarket, il barman ecc.

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.