DUE MLN DI EURO PER STARTUP TRENTINA CHE CREA NEVE ARTIFICIALE D FONTI RINNOVABILI

Coniugare l’esigenza di spargere neve sulle piste da sci in condizioni non convenzionali, a causa del clima fin troppo mite, garantendo un innevamento ottimale anche a bassa quota, con l’attenzione all’ambiente e alla riduzione dei consumi di acqua e di energia elettrica propri dei tradizionali impianti di innevamento.

Questa la mission di NeveXN, startup incubata al Polo Meccatronica di Rovereto (Trento), che ha brevettato una macchina in grado di produrre neve di qualità a temperature superiori allo zero (fino a 15 gradi centigradi) tramite l’utilizzo di energia termica che può essere fornita da fonti rinnovabili come pannelli solari e caldaia a biomassa.

La neve così prodotta può venire utilizzata per l’innevamento outdoor (piste da sci, eventi sportivi, manifestazioni cittadine) e indoor, ma può trovare utili e interessanti applicazioni anche in campo alimentare, sanitario e nel settore delle costruzioni.

Nei giorni scorsi il gruppo altoatesino Leitner, fra i leader mondiali nel campo dei trasporti a fune, con 726 milioni di fatturato nel 2015 e oltre 3.000 dipendenti ha rilevato tramite la propria controllata Demaclenko delle quote della startup, entrando a far parte della compagine sociale.

L’impegno di Leitner prevede un investimento di due milioni di euro nei prossimi due anni per far crescere la startup: il piano industriale prevede di industrializzare, produrre e commercializzare tre “taglie” di macchine con capacità rispettivamente pari a 1, 4 e 8 metri cubi di neve l’ora.

Il business plan prevede inoltre significative ricadute occupazionali, con l’assunzione di almeno 10 persone, da parte della startup, entro i prossimi tre anni, e la possibilità di un’ulteriore espansione nel caso il prodotto dovesse trovare un positivo riscontro sul mercato.

Per Demaclenko, che in questi ultimi anni è cresciuta sino a diventare una delle aziende principali a livello mondiale nel settore dell’innevamento programmato – commenta il presidente Martin Leitner – la partnership con NeveXN è la conferma della volontà di non fermarsi ai successi sinora ottenuti ma di guardare avanti, verso nuove sfide, verso una produzione di neve a temperature superiori allo zero che potrà rivoluzionare l’intero settore”.

Per NeveXN costituita nel 2012 da parte dei tre soci Francesco Besana, Fabiano Maturi e Anna Vanzo, l’ingresso di Leitner nella compagine sociale rappresenta una svolta chiave, che permetterà il passaggio dalla fase prototipale a quella della commercializzazione vera e propria.

Con l’aggiunta di un cambio di sede. NeveXN era infatti insediata fino ad ora nell’incubatore “green” di Trentino Sviluppo, Progetto Manifattura. Ora, passando alla fase produttiva, avrà a disposizione nuovi e più ampi spazi – 650 metri quadrati complessivi – nell’altro grande hub dell’innovazione trentina, Polo Meccatronica.

“Avere a nostro fianco un partner forte e di rilevanza internazionale come il Gruppo Leitner con Demaclenko rappresenta per noi una grande opportunità – commenta il presidente di NeveXN, Francesco Besana – Lavorare con loro è e sarà fonte di grande stimolo per portare avanti un progetto ambizioso, nato anche grazie al sostegno della Trentino Sviluppo e della Provincia di Trento che fin dall’inizio hanno creduto in NeveXN e nelle potenzialità di questa idea”.