Italia Nord Ovest

DIGITAL PAYMENT SUMMIT 2015


Riprese e montaggio video di Katiuscia Laneri

Presso l’Aula Magna dell’Università degli Studi Internazionali di Roma, UNINT,  si è tenuta la XI° Edizione del “Digital Payment Summit”, un evento organizzato dal Centro di Ricerche TecnologieSicurezza, Sistemi e Servizi di Pagamento con il patrocinio dell’ Associazione Italiana Istituti di Pagamento e di Moneta Elettronica – A.I.I.P.

Oltre 300 persone sono intervenute in rappresentanza di banche, imprese, prestatori di servizi di pagamento,  aziende del settore finanziario, Pubblica Amministrazione e realtà internazionali legate al mondo dei sistemi e processi di incasso e pagamento per assistere alle testimonianze di importanti relatori fra i quali Domenico Gammaldi – Condirettore Centrale Servizio Supervisione sui mercati e sul sistema dei pagamenti – Banca d’Italia, Massimo Doria – Head of retail payment instruments and services – Division Market and Payment System Oversight Directorate – Banca d’Italia,  Carlo Tresoldi – Vice Presidente SIA, Nicola Cordone – Senior Vice President SIA, Eugenio Tornaghi – Head of Global Cards and Mobile Payments Unicredit, Giuseppe Verdicchio – Direzione Finance Treasury and Corporate Finance  Treasury Manager Wind e numerosi altri.

Nei saluti iniziali, il Presidente Cda UNINT Giovanni Bisogni,  sottolineando l’importanza della diffusione della cultura della moneta elettronica, soprattutto tra i giovani, ha ringraziato L’A.I.I.P. per l’impegno profuso nell’attivazione di un corso, presso l’università che ha ospitato il convegno, incentrato proprio su questo argomento e affidato al Prof. Maurizio Pimpinella, Presidente A.I.I.P  e all’Avv. Zechini.

La sessione di apertura, dedicata alla Pubblica Amministrazione e ai cittadini, è stata introdotta da Carlo Tresoldi – Vice Presidente SIA che ha illustrato lo scenario italiano dei pagamenti per dare poi la parola a  Maria Pia Giovannini – Resp. Area Pubblica Amministrazione dell’Agenzia Italia Digitale, che ha fatto il punto sullo stato dei collegamenti al nodo dei pagamenti.  Sono poi seguite le testimonianze di alcuni rappresentati delle regioni, tra cui Gianluca Mazzini –Direttore Generale di Lepida Spa un società che per conto della Regione  Emilia Romagna ha implementato un sistema di pagamento online che ha già effettuato oltre 300.000 transazioni per un totale di circa 17M€, con un trend di crescita di oltre il 110% anno. Un sistema che è stato recentemente aggiornato realizzando l’integrazione con la piattaforma nazionale PagoPA e portando a sistema nazionale 280 Enti con oltre 700 servizi configurati e funzionanti che necessitano di pagamenti. A seguire  Cinzia Amici – PF Sistemi Informativi e Telematici – ha illustrato lo stato di avanzamento della Regione Marche,  mentre  Andrea Boer – Direzione Sistemi Informativi Regione Veneto  ha concluso la sessione dichiarando: “Con una Pubblica Amministrazione costituita da migliaia di enti pubblici, ciascuno con una diversa sensibilità, formazione e attitudine al digitale, l’ammodernamento del Paese si persegue attraverso l’aggregazione degli enti, norme chiare e semplici, standard ben strutturati e infrastrutture comuni. Identità digitale, pagamenti telematici, fatturazione elettronica, fascicolo del cittadino sono la base su cui costruire servizi moderni, completi e interoperabili. In questo quadro le Regioni rivestono un ruolo centrale nel favorire il corretto dispiegamento in tempi certi di queste infrastrutture.”

La sessione dedicata al mercato, i sistemi e gli strumenti di pagamento è stata aperta da M. Maurizio Pimpinella – Presidente A.I.I.P. e Docente corso Moneta Elettronica – Università UNINT con una panoramica sulla nuova realtà concorrenziale del mercato, ormai affollato da nuovi player che fondano le loro radici nel web e nei social network (vedi Facebook, Google, Amazon etc)  e su tutte le possibilità che nascono dagli sviluppi del mobile Payment e delle nuove tecnologie. A seguire si sono confrontati, riportando l’esperienza delle proprie aziende Sergio Moggia – Direttore Generale Consorzio Bancomat, e Salvatore Borgese – Direttore Payment Services ICBPI entrambi illustrato i dati dello scenario internazionale dei nuovi operatori, poi  Nicola Cordone – Senior Vice President  SIA che ha presentato Jiffy, un bonifico “real time” che permette di trasferire e ricevere denaro tramite smatphone, in modo sicuro e veloce, utilizzando il solo numero di cellulare per identificare il beneficiario.  Luciano Cavazzana Presidente e Amministratore Delegato Ingenico Italia S.p.A., ha rilasciato invece la seguente dichiarazione:” Siamo vivendo un periodo di profondo rinnovamento dei sistemi di pagamento elettronico, trainato da una forte migrazione tecnologica generale (grazie al contactless/Nfc e ai nuovi sistemi di mobile POS), supportata anche da iniziative di legge che si stanno attuando e che promuovono l’utilizzo della moneta elettronica oltre a contribuire alla modernizzazione al Paese. In questo scenario Ingenico si fa parte attiva proponendo al mercato la nuova soluzione ECR-POS: il primo sistema in Italia che integra in un solo strumento le funzioni di POS bancario e di misuratore fiscale, già predisposto anche per la fatturazione elettronica e l’invio on line dei corrispettivi. Si tratta di un ottimo esempio di come l’innovazione tecnologica possa agevolare gli esercenti nella gestione quotidiana della propria attività”. Infine Eugenio Tornaghi Head of Global Cards and Mobile Payments Unicredit riportando diversi casi internazionali ha sottolineato l’importanza della semplificazione. A suo avviso infatti :“Oggi la chiave nel diffondere l’utilizzo dei digital payments consiste nella semplicità d’utilizzo, molto più che nell’economicità degli stessi.“

Le conclusioni sono state affidate a Domenico Gammaldi – Condirettore Centrale Servizio Supervisione sui mercati e sul sistema dei pagamenti – Banca d’Italia

L’ultima sessione mattutina è stata dedicata agli operatori internazionali e ha vistola partecipazione di: Rita Miranda – Sales e Marketing Manager  ST Microelectronics, che ha illustrato la tecnologia NFC applicata ai pagamenti elettronici e l’Ing. Giovanni Locatelli – Content e Solutions Manager Samsung che ha presentato Samsung Pay, l’ultima soluzione legata ai pagamenti tramite smartphone, mentre Georg Schardt – Vice CEO Sofort, ha illustrato le soluzioni proposte dalla sua azienda a favore dell’ e- commerce. A seguire Andrea Keller – Amministratore Delegato/Direttore Generale Edenredha dichiarato che “ I  sistemi di pagamento stanno vivendo una vera e propria rivoluzione. Il pagamento diventa parte integrante di una nuova user experience, controllata dall’individuo. Nuovi attori come Apple e Google, esperti nella proposte di esperienze digitali rivoluzionarie, contribuiranno fortemente alla crescita dei pagamenti digitali. Una sfida per tutte le aziende italiane che devono collaborare per rispondere alle attese  di utenti sempre più esigenti e bisognosi di un rapporto semplice e personalizzato con la tecnologia. Infine Daniela Vinci – Country Manager Eba Clearing ha introdotto la soluzione MyBank per i pagamenti elettronici sostenendo che “La versatilità e la flessibilità di MyBank consentono il suo riutilizzo in diversi ambiti: dall’ emissione di bonifici online, al conferimento di mandati elettronici per addebiti Core e B2B, a soluzioni di verifica dell’identità, e in contesti diversi: dall’ecommerce, alla pubblica amministrazione, alla transazionalità Business-to-Business, per attività di cash management e per il rifornimento dei dealer dai portali delle aziende.”

Prima della pausa è stato inoltre presentato, alla presenza dell’editore Enrico Pollino – EMF Group, il libro “I sistemi di pagamento del terzo millennio” curato dal Centro di Ricerche Nuove Tecnologie e Processi di Pagamento e coordinato dal Prof Maurizio Pimpinella che ha dichiarato “nell’epoca in cui l’avvento della rivoluzione digitale sta progressivamente mutando le nostre abitudini, generando cambiamenti sul piano sociale, economico e politico, questo volume si propone come una guida il più possibile completa al nuovo scenario dei pagamenti digitali, racchiudendo numerosi contributi pervenuti da aziende leader nel settore dei pagamenti”.

La prima sessione pomeridiana, dedicata al ruolo degli operatori nazionali, e moderata dall’Avv. Marco Zechini – Partner Studio legale Orrick e Docente UNINT   è stata aperta dal Prof. Giuseppe G. Santorsola – Università Parthenope Napoli che nel suo intervento ha percorso in rassegna la storia degli strumenti di pagamento, i profili teorici che caratterizzano la loro efficacia e gli elementi di maggiore criticità che condizionano il successo o l’insuccesso di ciascuna iniziativa. In particolare, si è posta in evidenza l’anomala tendenza che ha posto in crisi nel tempo molti dei fondamenti della tecnica bancaria accentuando le possibilità competitive da parte di altri soggetti, ferma restando la forte potenzialità ancora in capo alle banche.

A seguire, si sono confrontati sullo scenario nazionale: Maurizio Santacroce – Direttore Payments & Services Sisal Group,   Carla Ottanelli – Ufficio Sistemi e Servizi di Pagamento ABI e Walter Pinci – Responsabile Servizi di Pagamento – Divisione Banco Posta – Poste Italiane che ha illustrato il contributo di poste alla lotta al contante, mentre  Carlo Panella – Direttore Generale CSE Consulting – Società del Gruppo CSE che ha dichiarato che “La proliferazione dei sistemi di pagamento permette di realizzare iniziative sempre più articolate ed innovative, ma può anche disorientare i clienti nella scelta di ciò che serve veramente. Secondo l’esperienza del Centro Servizi di CSE ciò che in questo momento riscontra un maggiore successo sono le iniziative che vedono affiancare ai pagamenti anche servizi a valore aggiunto che vanno oltre la singola transazione”. Infine Liliana Fratini Passi – Direttore Generale Consorzio ha parlato del sevizio CBILL, :“lanciato da quasi un anno dal Consorzio CBI, consente ad un cittadino di consultare e pagare le bollette in modalità multicanale e multibanca. I servizi di pagamento offerti fino ad oggi dalle banche consentono ai cliente di pagare online solo le bollette delle aziende o PA che hanno sottoscritto specifici accordi con il proprio istituto di credito mentre con CBILL basterà che una persona si colleghi al proprio internet banking, di qualunque tra le 525 banche che hanno già aderito al servizio, per consultare e pagare i bollettini di qualsiasi azienda e PA che abbiano adottato il servizio CBILL.

La sessione conclusiva dell’evento è stata dedicata alla sicurezza, i nuovi canali e le opportunità della dematerializzazione dei processi amministrativi con la partecipazione di:  Pier Paolo Borgia – Innovation, Consultancy and Mobile Solutions CRIF, Giuseppe Verdicchio – Direzione Finance Treasury and Corporate Finance  Treasury Manager Wind, Luigi Evolvi – Studio Informatica srl e Alfredo Visconti – Vice Presidente ANDIP Associazione Nazionale per la Difesa della Privacy che ha dichiarato: “ Grazie all’Associazione si unisce per la prima volta la problematica sulla Privacy e sulla sicurezza dei dati con il mondo dei pagamenti digitali e se ne sottolineano le similitudine nelle regole tra privacy e PCI. Oggi è emerso chiaramente che un pagamento digitale non termina il proprio ciclo con l’operazione stessa, ma i dati privati e sensibili restano nella rete e vanno messi in sicurezza”. Verdicchio ha quindi commentato che: “per ottemperare al Payment Card Industry Data Security Standard, WIND si è dato un proprio Modello di Governance che offra maggiore sicurezza e cura ai dati di carta di credito dei propri clienti”

Presente anche Renato Burigana in rappresentanza di Conepro – Commercialisti Network Professionale, secondo il quale:” Il quadro operativo nel quale si muovono 120.000 Commercialisti italiani è diverso dalla generalità degli scenari operanti nel “mercato”; a questa categoria, è imposto per legge (dal 30 giugno 2014), l’utilizzo del POS. I commercialisti, categoria sempre pronta a saper “cogliere” le opportunità che si presentano di fronte alla variegata tipologia di servizi offerti dal “Digital Payment”, sono attenti e guardano con estremo interesse tale evoluzione tecnologica. E’ però necessaria una stretta “sinergia” operativa, formativa e tecnologica, tale da rendere i medesimi “parte attiva” e coinvolta in tali importanti processi, contribuendo con la loro competenza e la loro “capillare” presenza nel mercato, alla massima diffusione degli strumenti innovativi di pagamento, anche al fine, di diminuire notevolmente i costi o perlomeno, renderli “neutri” per l’operatore e per il fruitore del servizio.”

Moderatore è stato Walter Bruschi – Non executive chairman SE&Latam – CPP e le conclusioni sono state affidate a Massimo Doria – Head of retail payment instruments and services – Division Market and Payment System Oversight Directorate – Banca d’Italia


Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.