DELEGAZIONE DEL NATIONAL CONFERENCE OF STATE LEGISLATURES IN REGIONE CAMPANIA

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column width=”1/1″][vc_video link=”http://youtu.be/7REDKKM9Yyc”][/vc_column][/vc_row]

Un confronto sulle esperienze legislative dei rispettivi Paesi e sulle politiche regionali della Campania al fine di sviluppare una collaborazione sulle attività legislative volta a promuovere innovazione politica e qualità legislativa: è quanto è emerso dall’incontro che il Presidente del Consiglio Regionale della Campania Pietro Foglia ha tenuto con il National Conference of State Legislatures, organizzazione non governativa con sede a Washington che si occupa di ricerca, assistenza e consulenza ai legislatori degli Stati Uniti. Tra i rappresentanti istituzionali, insieme con il Presidente Foglia, hanno  partecipato all’iniziativa il capogruppo del Pd Lello Topoil Console Generale degli Stati Uniti d’America Colombia Barrosse, il Difensore Civico della Regione Campania, Francesco Bianco. 

L’incontro si inserisce nell’attività di collaborazione avviata da National Conference of State Legislatures con la Conferenza dei Presidenti delle Assemblee legislative e delle Province Autonome del nostro Paese che, ieri, presso la sede di Roma, ha visto la firma di un Protocollo d’Intesa avente lo scopo di perfezionare la cooperazione, sia in ambito interparlamentare che in tema di relazioni istituzionali.

Tra i temi affrontati, le competenze legislative delle Regioni, le differenze tra il modello federale statunitense e quello italiano e l’attività legislativa espletata dalla Regione Campania nell’attuale Legislatura. Al centro dell’attenzione, la riforma costituzionale in itinere per la parte che introduce tra le funzioni del nuovo Senato la valutazione delle leggi e delle politiche pubbliche, un tema, questo, da anni ampiamente sviluppato nelle Istituzioni statunitensi in particolar modo a livello locale e federale,  e la possibile nuova riforma del Titolo V della Costituzione in merito alla ripartizione di competenze legislative tra Stato e Regioni.

“L’auspicio è che tale riforma metta ordine nelle materie di competenza statale e regionale per superare le imprecisioni della precedente riforma, che hanno generato intenso contenzioso e difficoltà nel legiferare a entrambi i livelli, e faccia chiarezza sugli ambiti di competenza della legislazione statale e regionale” – ha sottolineato il presidente Foglia -; ciò nell’ottica di rafforzare l’autonomia e le competenze legislative delle Regioni soprattutto nei settori che hanno un impatto più diretto ed immediato sullo sviluppo del territorio e sulla vita dei cittadini”.  “Un incontro molto utile ed interessante con i rappresentanti di una democrazia fortemente avanzata che ha offerto interessanti spunti di riflessione costituzionale e legislativa alla luce delle fondamentali riforme che il premier Renzi sta realizzando e che sono destinate a dare nuovo slancio e rinnovamento al nostro Paese” – ha detto il capogruppo del Pd Topo – ; in particolare –ha proseguito – la necessità di efficientare i processi legislativi e di rafforzare gli istituti di confronto con i cittadini e  di controllo da parte dell’opinione pubblica sull’attività istituzionale costituiscono due temi fondamentali sui quali lavorare per far progredire anche le nostre istituzioni”. Sul rapporto tra istituzioni e cittadini si è soffermato il Difensore Civico della CampaniaFrancesco Bianco evidenziando che, come negli Stati Uniti, anche in Italia e nelle Regioni, con questa figura, si è voluto garantire un maggiore controllo tra rappresentanti e rappresentati e sottolineando che “sempre di più la maturità di una democrazia si misura nella sua capacità di sottoporsi alla valutazione dei cittadini e di creare strumenti che favoriscano forme di controllo, di dialogo e di rafforzamento del legame con le istituzioni”.

DSC03049“Gli obiettivi della nostra Organizzazione sono quelli di migliorare la qualità e l’efficacia delle legislature statali, promuovere l’innovazione politica e la comunicazione tra legislature statali, garantire alle legislature statali una voce forte e coesa nel sistema federale – ha spiegato il Presidente della National Conference of State Legislatures  sen. Bruce Starr  – e crediamo profondamente nell’importanza del confronto e della comunicazione tra Paesi per raggiungerli.  Per questo siamo profondamente interessati al confronto con le Regioni italiane e abbiamo notato che tra i nostri sistemi legislativi ci sono importanti similitudini che possono essere sviluppati al fine di arricchire reciprocamente le nostre esperienze”.   Un ringraziamento speciale ad entrambe le delegazioni è stato rivolto dal Console Barrosse la quale ha sottolineato che “questi incontri ci permettono di conoscerci meglio e di trovare soluzioni ai problemi dei nostri Paesi migliorando la nostra azione legislativa a beneficio dei cittadini e rafforzando le nostre democrazie e la  collaborazione tra Italia e Stati Uniti d’America”.

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.