Con “Giallo Sexy” torna il teatro interattivo al Petrolini di Roma

Recensione di Stefania Fini

Alcuni amici riuniti in una casa per l’addio al celibato con due ragazze molto disponibili. Qualche drink e qualche pillola di troppo e al risveglio una delle ragazze ingaggiate per l’occasione è sparita nel nulla e nessuno ricorda.

Tocca ora al pubblico ricostruire gli eventi e scoprire cosa sia successo alla giovane donna.

E’ questa la chiave degli spettacoli interattivi di Murderparty che tornano in scena al Petrolini di Roma partendo da un classico: “Giallo Sexy”, in replica fino al 15 febbraio.

Misteri, quelli in cartellone, tutti ispirati a episodi di cronaca e che offrono lo spunto per una riflessione sulle tematiche del pregiudizio e del razzismo.

Qui il pubblico non si limita ad assistere ma è chiamato ad agire, dunque si consiglia di prestare attenzione sin dalla prima battuta per poter godere a pieno dell’originalità dello spettacolo. Perché tutti, ma proprio tutti i presenti in platea saranno chiamati e coinvolti come attori protagonisti.

 

 

 

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.