COME L’ACQUA CHE SCORRE. PROSA FLUIDA LUNGO LA PEDAMENTINA

Si dipanerà dal piazzale San Martino per la Pedamentina fino alla Scala di Montesanto, mercoledì 17 giugno dalle 19.30 alle 21.30, la passeggiata- spettacolo Come l’acqua che scorre. Prosa fluida lungo la Pedamentina” organizzata da Lo Sguardo che Trasforma, associazione impegnata nella tutela del paesaggio attraverso l’arte.

Lo Sguardo che Trasforma propone un modo nuovo e suggestivo per “abbeverarsi” di paesaggio: un percorso coinvolgente di teatro, danza e musica che evoca le donne legate dalla storia al Castel S. Elmo e alla Pedamentina. Sono in maggioranza donne le autrici e interpreti dello spettacolo che omaggia Marguerite Yourcenar e la sua “Anna Soror”, con il testo di Giuseppina Dell’Aria, e Eleonora Pimentel de Fonseca con il libero adattamento del “Resto di Niente” di Enzo Striano.
“Come l’acqua che scorre. Prosa fluida lungo la Pedamentina” con la regia di Guido Liotti, vede “sulla scena delle scale” gli attori Roberta Misticone e Guido Liotti; le danzatrici Agnese Viviana Perrella e Ambra Marcozzi e la musica dal vivo di Giovanna Panza (voce) e Edo Puccini (chitarra). La passeggiata si conclude con un aperitivo ecologico facoltativo presso il QI Quartiere Intelligente sulla scala di Montesanto. La durata complessiva dell’evento è di 2 ore.
“Cerchiamo di trasmettere emozioni vive utili per la ricerca dell’essenza dei luoghi e la loro valorizzazione”, spiega il regista Guido Liotti, che si occupa da oltre 10 anni di progetti ambientali e di rivalutazione urbana e tra i promotori, insieme all’associazione Lo Sguardo che Trasforma, del Coordinamento per il recupero delle Scale di Napoli impegnato a promuovere, recuperare e valorizzare l’immenso patrimonio di 200 percorsi pedonali naturali (135 scale vere e proprie, 69 gradonate) che attraversano la città.
Il contributo associativo per lo spettacolo è di € 8,00 più € 4,00 per l’aperitivo.
Prenotazione obbligatoria al 3914143578 o losguardochetrasforma@gmail.com

Lo Sguardo che Trasforma nasce come progetto educativo nel 2008 e risulta la naturale prosecuzione del lavoro, avviato almeno dal 1992, di una rete di soggetti particolarmente attenti al tema della valorizzazione del paesaggio ed alla sperimentazione di innovative metodologie partecipative in buona parte collegati al WWF ed alla Coop Ossidiana.
Il progetto, ha fatto tesoro, in particolare da quanto era emerso da progetti come Agenda 21 Napoli Sostenibile e Partecipativa, il ciclo delle Domeniche Ecologiche (Ecologicittà) ed i laboratori partecipati promossi per le due edizioni locali del Concorso di Progettazione Partecipata e Comunicativa INU WWF e ANCI. Fondamentale anche l’esperienza legata alla gestione dello sportello informativo e partecipativo e del forum collegato a supporto dell’Ente Parco Metropolitano delle Colline di Napoli.
Il bagaglio di contenuti e idee espressi da tale progetto è stato anche la base per la costituzione della rete di associazioni per la tutela e la valorizzazione del Parco Metropolitano “Trasformazione”. In particolare è risultato prezioso il contributo per il ciclo di eventi “Maggio nel Parco” del 2010.
Le prime attività prodotte come associazione hanno visto impegnato “Lo sguardo che Trasforma”,  grazie alla preziosa collaborazione di partner quali Legambiente Neapolis 2000, l’Orto Consapevole, Pro Loco Capodimonte, Ferderconsumatori e Cittadinanza Attiva, Lanificio 25, Foresta Regionale Area Flegrea e Monte di Cuma, nell’avvio del programma di passeggiate spettacolo partecipate denominate “Assaggia il Paesaggio” con eventi nella Foresta Regionale di Cuma, nel quartiere del Moiariello, nell’area di Castel Capuano e sulle scale della Pedamentina.

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.