Italia Nord Est, Polizia

Bloccato traffico di droga tra la costiera sorrentina e lago Maggiore


 

La Polizia di Stato, alle prime luci dell’alba,  nell’ambito di una vasta operazione di antidroga che ha avuto luogo in diversi comuni della provincia di Napoli, nonché nei comuni di Baveno (VB)  e di Scafati (SA), ha dato esecuzione a nove provvedimenti restrittivi.

 

I poliziotti del Commissariato di P.S. Sorrento collaborati dagli uomini della Squadra Mobile delle Questure di Napoli, Salerno e Verbania e con l’ausilio delle Squadre Cinofili Antidroga, hanno arrestato Michele ANNUNZIATA, 32 enne originario di Volla (Na); Gianfranco ERCOLANO di anni 37 originario di Sorrento, Massimiliano ZUROLO, di anni 36 di Sorrento, Giuseppe DI CAPUA, di anni 47 di Boscoreale, con precedenti di polizia, RaffaeleGENOVESE, di anni 43 di Scafati (SA); tutti destinatari della misura  cautelare in carcere, Mari Rosaria POLLIO40enne sorrentina – custodia cautelare in regime di arresti domiciliari e E. G. di anni 35, S.A. di anni 37 e R.G. di anni 36, originari della Penisola Sorrentina, è stata applicata la misura cautelare dell’obbligo di dimora.

 

I provvedimenti emessi dal G.I.P. presso il Tribunale di Torre Annunziata, Dott. G. De Angelis, vedono le nove persone indagate per concorso nel delitto di spaccio continuato di sostanze stupefacenti e per altri delitti.

 

L’operazione di stamani costituisce l’epilogo di serrate indagini delegate dal Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Torre Annunziata, Dott. F. De Tommasi, dove i poliziotti del commissariato di P.S. Sorrento avvalendosi di intercettazioni telefoniche, servizi di appostamento e di pedinamento hanno ricostruito l’illecita attività.

 

L’indagine ha consentito di debellare lo spaccio ed il commercio di sostanza stupefacente di due distinti gruppi di persone, particolarmente attivi nell’ambito della penisola sorrentina; un’attività posta in essere in maniera sistematica ed organizzata da soggetti dediti anche ad attività imprenditoriali assolutamente lecite e talvolta anche di notevole rilievo, le quali,  offrivano non solo una formidabile copertura per i traffici illeciti, ma, verosimilmente, pure i capitali da investire per l’approvvigionamento della sostanza da spacciare.

 

I poliziotti hanno accertato che, uno dei due gruppi, è riconducibile a Michele ANNUNZIATA, noto imprenditore impegnato nel  settore della vendita di autovetture e veicoli commerciali nell’area vesuviana, e Gianfranco ERCOLANO, manager del settore turistico-alberghiero, direttore di noto albergo sulle rive del Lago Maggiore in Baveno, originario di Sorrento e abituale frequentatore della penisola. L’altro gruppo, invece, è riconducibile a Massimiliano ZUROLO e Maria Rosaria POLLIO, entrambi hanno per lungo tempo gestito un avviatissimo bar del centro di Sorrento, all’interno del quale spacciavano cocaina ed hashish; droga fornita agli stessi da Giuseppe DI CAPUA.

 

 

Durante le indagini, i poliziotti del commissariato di PS Sorrento, hanno in diverse occasioni già arrestato sia Michele ANNUNZIATA, quando, lo scorso 17 ottobre 2013, venne sorpreso mentre si accingeva ad effettuare a bordo di pullman di linea diretto a Verbania la trasferta per la consegna di oltre quaranta grammi di cocaina pura destinata a Gianfranco ERCOLANO, che ne avrebbe ricavato circa 250 dosi; che Massimiliano ZUROLO unitamente a Maria Rosaria POLLIO quando il 19 ottobre 2013, vennero trovati in possesso di quasi venti grammi di cocaina consegnatagli, poco prima, da Giuseppe DI CAPUA.

 

 

Michele ANNUNZIATAGianfranco ERCOLANOMassimiliano ZUROLOGiuseppe DI CAPUA e Raffaele GENOVESE sono stati condotti presso il carcere di Poggioreale in Napoli.

 


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.